Maturità 2020, ci siamo: a partire dalle 08:30 di oggi, mercoledì 17 giugno, 500mila studenti italiani sono impegnati con gli esami di Stato. È la prima volta che rivedono i loro insegnanti e che tornano da scuola dalla fine dello scorso mese di marzo, prima della chiusura dovuta al lockdown per l'emergenza Coronavirus. Esami ricchi di novità quest'anno: le prove scritte sono abolite e sostituite da un maxi-colloquio orale dalla durata di un'ora e suddiviso in cinque parti, cambia il sistema delle valutazioni, le 13mila commissioni d'esame sono composte da membri interni e solo il presidente esterno e una attenzione particolare sarà data alle misure di sicurezza previste dal protocollo elaborato dal Comitato tecnico-scientifico per prevenire la diffusione del contagio. Per questo, ragazzi e commissari dovranno indossare sempre la mascherina, igienizzare le mani e presentare all'ingresso nell'edificio scolastico l'autocertificazione che confermi di non aver avuto febbre nei tre giorni precedenti la prova.

Azzolina e Conte: "Maturità speciale, in bocca al lupo a tutti"

"È stata anche per me una vigilia degli esami particolare, confesso di essere molto emozionata perché tra poco si riaprono le scuole. Ragazzi e ragazze un enorme in bocca al lupo!!", ha scritto su Facebook la ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina, che oggi è a Bergamo, tra le città più colpite dell'emergenza, che in un video postato nella notte ha aggiunto: "La notte prima degli esami è lunga anche per il ministro dell'istruzione: sono molto emozionata. Voi avete vissuto una emergenza difficile e avete dato una grande prova. Ce l'avete messa tutta se avrete studiato. La maturità 2020 è un ponte verso il futuro. Siete stati forti, coraggiosi, l'Italia ha bisogno di persone preparate che coltivino le proprie passioni; spero che i vostri sogni possano realizzarsi. Un abbraccio di cuore". A lei ha fatto eco anche il premier Giuseppe Conte che in un video lanciato sempre via social ha detto: "Per voi quest'anno una prova speciale, ci arrivate in un tempo sospeso a causa della pandemia. Vi siete confrontati a distanza e avete studiato a distanza. Tirate fuori il meglio di voi, nel frattempo stiamo lavorando per consegnarvi un paese migliore, con un piano di rilancio a livello europeo".

Come funziona il maxi-orale

Tutti gli studenti del quinto anno delle scuole superiori sono stati ammessi all'esame di Maturità 2020. Niente prove scritte, tra tema d'italiano, problemi di matematica e fisica e traduzione delle versioni di greco e latino, ma solo un maxi-colloquio orale, che verterà su più materie, sarà di circa un'ora, si soffermerà sul programma del primo quadrimestre e potrà comprendere anche esercitazioni pratiche, esercizi o traduzioni nei licei. L'interrogazione si dividerà in cinque parti: si partirà dalla presentazione da parte dei candidati di un elaborato (che non è la classica tesina), seguirà la parte d'italiano, poi l'analisi del materiale scelto dalla commissione. "Potranno esserci immagini, brevi testi, parti di articolo, uno spunto. Lo studente avrà un breve tempo per organizzare il suo discorso e ci si aspetta che dimostri quello che ha saputo acquisire nel corso dell'ultimo anno e di quelli precedenti", hanno spiegato i prof dell'Istituto Tecnico Economico Enrico Tosi di Busto Arsizio dove Fanpage.it ha fatto una simulazione dell'esame. Infine, le ultime due parti sono quelle relative all'esposizione delle esperienze svolte nell’ambito dei Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento e l'accertamento delle conoscenze relative a "Cittadinanza e Costituzione".

Le regole da seguire tra mascherine e autodichiarazione

Stando a quanto previsto dal protocollo di sicurezza elaborato dal Comitato tecnico-scientifico, è stato reso obbligatorio l'uso della mascherina, anche se i candidati potranno abbassarla durante il colloquio vero e proprio, purché ci siano sempre due metri di distanza dal commissario più vicino, e la sanificazione delle mani, con dispenser di gel posti all'ingresso di ciascun istituto, dove saranno anche vietati gli assembramenti. All'ingresso a scuola ciascuno studente, accompagnatore, ma anche commissari e personale, dovrà esibire il documento per la sicurezza elaborato del comitato tecnico scientifico per il Ministero dell'Istruzione, studiato per far svolgere gli esami in presenza. I maturandi per poter entrare a scuola dovranno scaricare e compilare un’autodichiarazione che attesti il loro stato di salute, di non avere febbre oltre i 37,5°(e di non averla avuto nei tre giorni precedenti alla prova) e di non trovarsi in quarantena. Si ricorda, inoltre, che la temperatura corporea non sarà misurata all’ingresso. Nessun obbligo, secondo il Protocollo, neppure per l'uso dei guanti monouso: basterà igienizzarsi frequentemente le mani (con i gel messi a disposizione dall'istituto).

Come si calcola il voto della Maturità 2020

Per quanto riguarda il voto della Maturità 2020, la cui valutazione finale resta espressa in centesimi, un ruolo importante lo hanno i crediti formativi, il cui massimo, a differenza degli anni passati (in cui erano 40), è di 60 punti. Alla prova orale, invece, l'unica della Maturità 2020, saranno assegnati massimo 40 punti. Oltre ai voti ottenuti nella prova d’esame ci sono poi anche i cosiddetti punti bonus che vanno da 1 a 5 e che la commissione può decidere di assegnare al termine del colloquio orale ad alcuni studenti al fine di alzarne il punteggio finale, e la lode.