Non aveva accettato la fine della relazione con una coetanea e l'aveva minacciata più volte fino a progettare di sfigurarle il volto. Un ventenne di Ravenna è stato arrestato dai Carabinieri della compagnia locale davanti alla scuola dove attualmente studia la ragazza. Il giovane si era recato sul posto per cercare l'ennesimo confronto con la ventenne che lo aveva lasciato. La storia è comune purtroppo a diverse donne: un rapporto morboso in cui lui voleva avere il controllo di tutto. Le impediva di frequentare gli amici, di usare i social network e di fare nuove conoscenze. In particolare era ossessionato dall'uso delle fotografie su Instagram, fino a chiederle di non utilizzare più il social network. I dinieghi da parte della ventenne diventavano motivo di ulteriore follia. Secondo quanto ricostruito, anche con la fine della relazione voluta dalla ragazza continuava a inviarle messaggi con diversi profili social e a chiamarla insistentemente al cellulare per chiederle di confrontarsi nuovamente su quanto deciso. Davanti all'ulteriore rifiuto, l'aveva minacciata a più riprese. Anche con la fine della loro storia le aveva chiesto di non frequentare nessuno e di non postare foto su instagram.

La ventenne si era rifiutata e lui aveva continuato ad opprimerla con comportamenti sempre più morbosi: aveva iniziato a controllare il numero dei contatti memorizzati nel telefono fino a quando, ormai in un delirio folle, aveva minacciato di sfigurarla in volto. Quando si è presentato davanti alla scuola per parlare, ha trovato i carabinieri ad aspettarlo. Il ventenne è stato fermato e posto agli arresti domiciliari. In seguito alla convalida del fermo, l'ex fidanzato ha ammesso gli addebiti contestati. Per lui è stata disposta la misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla ex fidanzata.