762 CONDIVISIONI
5 Luglio 2020
09:23

Niente bonus a maggio per migliaia di Co.Co.Co: “Come faremo a pagare l’affitto?”

I co.co.co. hanno meno diritti, un contratto più debole, che funziona a chiamata. Se lavori guadagni, se stai fermo no. Chi l’avrebbe detto però che a discriminarli sarebbe stato proprio il governo? Nel Decreto Rilancio infatti sono esclusi dal bonus dei 600 euro (ma anche dagli eventuali 1000) tutti coloro i quali hanno un contratto “attivo” alla data di pubblicazione del decreto, il 19 maggio, anche se sono stati costretti a casa durante il lockdown. Sono in migliaia in tutta Italia, insegnanti privati, operatori di call center, assicuratori, si sono ritrovati su Facebook e fanno appello al governo.
A cura di Gianluca Orrù
762 CONDIVISIONI

La cosa che hanno in comune è il loro contratto, di collaborazione coordinata e continuativa, ma non potrebbero essere più diversi gli uni dagli altri. I Co.co.co. esclusi dal bonus di maggio fanno lavori diversissimi tra loro, tutti lavori che sono stati bloccati durante il lockdown, tutti lavori a chiamata che non hanno garantito neanche un euro alle loro famiglie.

Rimangono le bollette, le spese per i figli, per mangiare, per pagare l'affitto. Unico sollievo: il bonus del governo, che anche se sono 600 euro comunque una mano la danno. Improvvisamente però anche queste vengono tolte loro. Dopo aver preso il bonus a marzo e ad aprile, i Co.co.co. con contratto attivo alla data del 19 maggio non sono più beneficiati del bonus. Non vedranno un euro a maggio, questo perchè secondo il decreto il loro lavoro dovrebbe essere ripartito, quindi niente bonus.

"E' un corto circuito legislativo – racconta Antonio – perchè neanche l'Inps sa dirci con chiarezza perché non possiamo usufruire del bonus. E' vero che il nostro contratto è attivo, ma noi non abbiamo mai lavorato in questi mesi".

"E' ingiusto – racconta Monica – perchè l'azienda per cui lavoro non ha potuto interrompere il mio contratto, visto che il governo ha vietato i licenziamenti, e mi ritrovo senza un euro a maggio, come faccio a pagare l'affitto, le bollette?"

Sono diverse centinaia i lavoratori Co.co.co. fregati dal bonus di maggio che si sono ritrovati su Facebook per fare massa critica. Si scambiano notizie, opinioni, contattano politici e giornalisti nella speranza di fare pressione per cambiare la legge.

"Il governo mi ha vietato di andare a lavorare – spiega Serena – e non prendo un euro di stipendio da fine febbraio. Non posso iscrivermi alle liste di disoccupazione perché tecnicamente risulto occupata, il governo ci deve aiutare"

762 CONDIVISIONI
Spagna, sussidio di 250 euro al mese ai giovani che lasciano casa dei genitori
Spagna, sussidio di 250 euro al mese ai giovani che lasciano casa dei genitori
Bonus psicologo, prof. Castelnuovo: "Servirebbe psicologo di base: sempre più persone in difficoltà"
Bonus psicologo, prof. Castelnuovo: "Servirebbe psicologo di base: sempre più persone in difficoltà"
Scuola nel caos, migliaia di studenti positivi. I presidi: “Dad di massa da martedì"
Scuola nel caos, migliaia di studenti positivi. I presidi: “Dad di massa da martedì"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni