428 CONDIVISIONI
Coronavirus
17 Giugno 2021
18:30

Morta dopo vaccino AstraZeneca: “Camilla fu dimessa con piastrine basse e senza terapia”

Continuano le indagini sulla morte di Camilla Canepa, la 18enne ligure morta per emorragia cerebrale 9 giorni dopo aver ricevuto la dose di vaccino Covid AstraZeneca. Secondo gli investigatori, la giovane fu dimessa dall’ospedale di Lavagna il 4 giugno con ancora le piastrine basse e solo dopo una notte di osservazione. Ma è giallo anche sulla Tac effettuata senza liquido di contrasto nonostante le linee guida Aifa.
A cura di Ida Artiaco
428 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Continuano le indagini sulla morte di Camilla Canepa, la studentessa di 18 anni di Sestri Levante morta 9 giorni dopo avere ricevuto il vaccino AstraZeneca in un Open Day. In particolare, i riflettori sono puntati al momento su quello che è successo all'ospedale di Lavagna, dove la ragazza si recò per la prima volta il 3 giugno, prima di essere trasferita all'ospedale San Martino di Genova, dove si è verificato il decesso. Secondo quanto rilevato dagli inquirenti, infatti, la giovane fu dimessa dall'ospedale di Lavagna il 4 giugno con ancora le piastrine basse e solo dopo una notte di osservazione.

Un particolare che fa pensare agli investigatori dei Nas, coordinati dai pm Francesca Rombolà e Stefano Puppo insieme all'aggiunto Francesco Pinto, che i medici non le somministrarono alcuna terapia come invece previsto dai protocolli. Dalle linee guida Aifa pubblicate il 26 maggio, emerge che in caso di piastrinopenia dopo il vaccino i pazienti debbano essere trattati con immunoglobine e steroidi. Ma i dubbi riguardano non solo la patologia di Camilla, che la famiglia ha smentito. Si sta indagando anche sulla Tac a cui è stata sottoposta dopo la trombosi, che è stata effettuata senza liquido di contrasto. Anche in questo caso, ciò sembrerebbe andar contro alle indicazioni diffuse dall’Aifa per chi ha una trombosi dopo il vaccino.

Il documento in questione è stato emesso dall’Agenzia italiana del farmaco il 26 maggio scorso, in materia appunto di "complicanze tromboemboliche post-vaccinazione anti Covid 19 con Vaxzevria-AstraZeneca". Nel testo, per un totale di 11 pagine, si legge: "Nel sospetto di trombosi dei seni venosi cerebrali l’esame di prima scelta è oggi l’angio-Tac, indicando al medico neuroradiologo il medesimo sospetto clinico così da poter studiare correttamente, con il mezzo di contrasto, i distretti venosi". Cosa che non sarebbe stata fatta. L’indagine per omicidio colposo resta al momento a carico d’ignoti, sebbene non siano esclusi avvisi di garanzia nelle prossime settimane. Martedì il medico legale Luca Tajana e l’ematologo Franco Piovella hanno eseguito l’autopsia che ha confermato la morte per emorragia cerebrale della 18enne. I due specialisti hanno ora 90 giorni per il completamento degli esami (istologici in primis) a valle dei quali consegneranno una relazione ai pubblici ministeri.

428 CONDIVISIONI
26129 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni