449 CONDIVISIONI
Emergenza immigrazione
16 Aprile 2022
16:07

Migranti, naufragio al largo della Libia: decine di morti e dispersi

Ieri al largo della Libia una barca di legno su cui viaggiavano dei migranti lungo la rotta del Mediterraneo si è ribaltata. Secondo l’Oim ci sono decine di morti e dispersi.
A cura di Tommaso Coluzzi
449 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio.
Immagine di repertorio.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Emergenza immigrazione

Anche oggi bisogna registrare l'ennesima tragedia nel Mediterraneo: al largo delle coste della Libia una nave che trasportava migranti si è capovolta. A bordo c'erano decine di persone, di cui almeno 35 sono morte o disperse. A segnalare il naufragio è stata l'Organizzazione internazionale per le migrazioni. È avvenuto ieri, al largo di Sabratha in Libia, un importante punto di partenza per i migranti che tentano di attraversare il mar Mediterraneo. Secondo quanto riportato dall'Oim, i corpi di sei migranti sono stati recuperati, mentre le altre 29 persone che sono disperse si presume siano morte. Al momento ancora non è chiaro cosa abbia causato il ribaltamento della barca di legno.

Sempre secondo le stime dell'Oim, la scorsa settimana almeno 53 migranti sono morti al largo della Libia. Come dicevamo è una tragedia quotidiana, soprattutto in questo periodo dell'anno – come ormai è più che noto – in cui la bella stagione favorisce i tentativi di attraversare il Mediterraneo per cercare una vita più dignitosa. Dall'inizio dell'anno, secondo l'Organizzazione, sono morte almeno 476 persone lungo la rotta del Mediterraneo centrale.

I 201 migranti salvati dalla Sea Watch 3 sono sbarcati a Trapani

Dopo aver chiesto per giorni l'assegnazione di un porto sicuro e averla ottenuta ieri pomeriggio, la nave umanitaria Sea Watch 3 è arrivata a Trapani questa mattina, dove sono cominciate le operazioni di sbarco per i 201 migranti salvati nel Mediterraneo. Poco prima delle 15 le operazioni si sono concluse e tutte le persone sono riuscite a sbarcare dopo tutte le sofferenze passate, ma l'Ong ha lanciato un messaggio chiaro: "Il nostro pensiero va a chi non ce l'ha fatta, alle persone annegate nel naufragio di cui siamo stati testimoni. Basta morti nel Mediterraneo".

449 CONDIVISIONI
301 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni