228 CONDIVISIONI
17 Novembre 2021
13:30

“Mi hanno lasciato Garza in pancia dopo il parto”, l’Asl: “Nessuna operazione, parto naturale”

Il caso all’ospedale Santo Stefano di Prato. Dopo la denuncia della donna l’Asl risponde: “La signora non è stata sottoposta ad intervento di chirurgia addominale”.
A cura di Antonio Palma
228 CONDIVISIONI

Sarà una approfondita inchiesta interna dell’Asl Toscana Centro a chiarire quanto accaduto a una neo mamma di Prato che, dopo il parto in ospedale nella cittadina toscana, ha accusato forti dolori denunciando che nel nuovo ospedale a cui si è rivolta, giungendo al pronto soccorso, le hanno trovato una garza lasciata nella pancia. Dopo la denuncia della donna, l’azienda sanitaria ha replicato spiegando che la donna non è stata sottoposta a un intervento chirurgico visto che il parto è stato naturale ma che l’indagine prosegue. Protagonista della storia una donna di Poggio a Caiano, Rebecca Ciardi, che ha partorito regolarmente nell’estate scorsa, a luglio, ma poco dopo ha iniziato ad accusare i problemi di salute e anche quando è tornata a casa con la sua bambina sentiva che non stava bene.

Come ha raccontato lei stessa a La Nazione, la situazione è precipitata un mese dopo il parto con la richiesta di aiuto al pronto soccorso dell’ospedale di Bergamo durante la vacanza estiva. “Non camminavo più e così mi ha portato d’urgenza al pronto soccorso di Bergamo. I medici si sono accorti che avevo una garza nell’utero e l’hanno tolta. Ho il referto dell’ospedale che testimonia tutto” ha raccontato la donna che ha sporto anche denuncia. "Il caso è stato esaminato da un gruppo multidisciplinare che ha analizzato i diversi aspetti clinici. Non è stato rilevato che la signora sia stata sottoposta ad intervento di chirurgia addominale effettuata nell'occasione riportata” ha replicato però l’Asl oggi. “Dopo il parto, avvenuto presso l'ospedale Santo Stefano, la signora ha incontrato più volte e regolarmente il team di ostetricia e ginecologia che resta sempre a sua disposizione". L'Asl "prende atto delle affermazioni espresse negli articoli e, come doveroso, ha già avviato un approfondimento attraverso una specifica indagine interna che coinvolgerà l'ospedale per appurare ogni aspetto della vicenda e poter giungere ad una analisi veritiera dei fatti” aggiungono dall’azienda sanitaria, rivelando che comunque “Al momento non è pervenuta alcuna comunicazione da parte degli organi competenti”.

Secondo la donna però i problemi non sarebbero legati al parto ma a una emorragia interna avvenuta poco dopo. “I problemi sono cominciati subito dopo, quanto ho avuto l’emorragia che mi è stata tamponata con alcune garze. Qualche giorno dopo sono stata dimessa dall’ospedale” ha raccontato la signora, aggiungendo: “Li ho informati e continuano a far finta di nulla. Nessuno si è preoccupato per quello che mi era accaduto. Ho fatto denuncia perché voglio sapere come sono andate le cose”.

228 CONDIVISIONI
Parto in aereo, dottoressa fa nascere bimba durante il volo: “Il suo nome sarà Miracolo”
Parto in aereo, dottoressa fa nascere bimba durante il volo: “Il suo nome sarà Miracolo”
8 di Videonews
Neonato operato durante parto attaccato alla placenta della mamma, l’intervento salvavita a Torino
Neonato operato durante parto attaccato alla placenta della mamma, l’intervento salvavita a Torino
Parto d'emergenza in aereo, dottoressa fa nascere bimba durante volo: "Il suo nome sarà Miracolo"
Parto d'emergenza in aereo, dottoressa fa nascere bimba durante volo: "Il suo nome sarà Miracolo"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni