Pegah Naddafi, una studentessa di 29 anni italiana di origini iraniane, a Venezia per motivi di studio all'università Ca' Foscari (dove studiava scienze del linguaggio), ha perso la vita dopo essere stata investita mentre attraversava la strada sulle strisce pedonali. E' successo a Mestre, in via Vespucci. Il terribile incidente è avvenuto intorno alla mezzanotte tra i 3 e il 4 gennaio 2020. La strada è stata chiusa per tre ore dalla polizia locale, sul posto per i rilievi. Alla guida della vettura c'era un 46enne di Noale (Venezia).

La tragedia è avvenuta nei pressi dell'incrocio tra via Vespucci e via Cattaneo, a Mestre, in prossimità di un semaforo che regola l'attraversamento pedonale. L'incidente è avvenuto intorno alla mezzanotte. Le ambulanze del 118 sono intervenute immediatamente dopo la richiesta di soccorso, ma per la giovane donna non c'era ormai più niente da fare. Sul posto sono arrivate le pattuglie della polizia locale, che si sono messe al lavoro per ricostruire la dinamica dell'investimento e regolare il traffico.

Una testimone passata in quel punto ha raccontato a Venezia Today: "Stavo guidando e ho visto una persona distesa a terra alla quale stavano praticando il massaggio cardiaco. Poco dopo è arrivato il 118. Tre sanitari sono stati a praticare il massaggio cardiaco per circa 15 minuti ma senza nessun risultato, coprendo il corpo con un telo. La persona era a terra poco dopo il semaforo, nelle vicinanze delle strisce pedonali, accanto al marciapiede. Dopo circa un’ora le pattuglie hanno bloccato la strada da entrambi i lati senza far più entrare veicoli".