Aveva molestato due ragazze minorenni su un treno per Messina. Le due ragazzine, di 16 e 17 anni, erano in compagnia di altri due coetanei che hanno allertato le forze dell'ordine una volta scesi dal treno. Hanno raccontato di aver cercato di allontanarsi dopo che il 59enne aveva seguito e palpeggiato le due amiche durante il viaggio, approfittando di un momento in cui i passeggeri stavano scendendo al capolinea della stazione. Subito dopo aveva tentato la fuga, abbandonando il proposito di seguire ancora il gruppo di ragazzini una volta scesi dal treno. Gli agenti lo hanno individuato e inseguito, ingaggiando con lui una breve colluttazione fisica.

Secondo gli adolescenti l'uomo avrebbe dapprima iniziato con aggressioni verbali, indirizzando alle due ragazze insulti e oscenità. Vedendosi ignorato dalle ragazzine, si sarebbe avvicinato per molestarle fisicamente in un momento di caos sul mezzo di trasporto. Avrebbe poi voluto seguire il gruppetto anche lontano dal treno, ma la denuncia alle forze dell'ordine lo ha messo in fuga.

L'aggressore ha infatti cercato di liberarsi degli agenti di polizia spintonandoli e minacciandoli con una bottiglia di birra. L'uomo è stato comunque bloccato nonostante l'iniziale difficoltà ed è stato condotto presso gli uffici di polizia dove, a seguito di diversi controlli, è emerso che aveva già precedenti per reati simili. Il 59enne era infatti già stato accusato di violenza sessuale e atti osceni in luogo pubblico. I ragazzini hanno testimoniato contro l'aggressore, raccontando anche i riferimenti sessuali continui indirizzati alle due ragazzine e delle molestie fisiche subite mentre i passeggeri stavano scendendo dal treno, proprio al capolinea della stazione. Il 59enne è stato quindi arrestato per violenza sessuale e dovrà ora rispondere anche di resistenza a pubblico ufficiale.