L'omicidio Meredith Kercher
15 Settembre 2017
08:42

Meredith, da Sollecito “bugie e silenzi”: ecco perché la Cassazione nega il risarcimento

Nelle indagini sull’omicidio di Meredith Kercher Raffaele Sollecito fornì “affermazioni menzognere e contraddittorie”, dichiarazioni che hanno “trovato smentite puntuali sotto ogni aspetto”. Con questa motivazione la Cassazione ha respinto la richiesta di risarcimento per ingiusta detenzione.
A cura di Susanna Picone
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'omicidio Meredith Kercher

Raffaele Sollecito non otterrà alcun risarcimento per ingiusta detenzione perché fornì, nelle fasi iniziali delle indagini sull’omicidio a Perugia della studentessa inglese Meredith Kercher, delle “affermazioni menzognere e contraddittorie”. Dichiarazioni – quelle del giovane pugliese che per anni è stato al centro di una complessa vicenda giudiziaria – che hanno “trovato smentite puntuali sotto ogni aspetto”. Per questo motivo negli inquirenti si è rafforzata “la prospettiva del suo coinvolgimento” che ha causato la sua carcerazione via cautelare. È quanto fa sapere la corte di Cassazione motivando la sentenza con la quale ha respinto la richiesta di risarcimento avanzata da Raffaele Sollecito, poi definitivamente assolto dalle accuse riguardo il delitto di Meredith. Per la Cassazione la reticenza, le bugie e il silenzio “possono essere valutate dal giudice della riparazione in termini dolosi o gravemente colposi”, e lo stesso – si legge nelle sentenza n. 42014 – vale “per quanto riguarda l’alibi” rilevatosi “nell’immediatezza falso”.

L'avvocato Bongiorno: "Il sipario non cala qui" – L’istanza era già stata negata anche dalla corte d’Appello di Firenze lo scorso gennaio. Raffaele Sollecito è rimasto in carcere per circa quattro anni, insieme anche alla studentessa americana Amanda Knox, perché accusato di concorso in omicidio della ragazza inglese assassinata a Perugia il primo novembre del 2007. La sua assoluzione definitiva – l’unico condannato per l’omicidio di Meredith è stato il giovane ivoriano Rudy Guede – è arrivata il 27 marzo 2015. E lui non ha intenzione di arrendersi. “Il sipario non cala qui”, ha detto l’avvocato Giulia Bongiorno, che difende Sollecito, e che ha annunciato ricorso alla Corte europea. “È stato totalmente tralasciato – ha aggiunto – l'annientamento delle garanzie difensive in cui sono state rese le dichiarazioni prese in considerazione per negare il risarcimento”.

200 contenuti su questa storia
Sollecito a Fanpage.it: "Guede ha ucciso Meredith da solo, mente per difendere i suoi interessi”
Sollecito a Fanpage.it: "Guede ha ucciso Meredith da solo, mente per difendere i suoi interessi”
Morte Meredith Kercher, Rudy Guede: "Volevo salvarla, io so la verità e la sa anche Amanda Knox"
Morte Meredith Kercher, Rudy Guede: "Volevo salvarla, io so la verità e la sa anche Amanda Knox"
Guede libero, lo sfogo di Amanda Knox: “Ora dica la verità, lo faccia per me e Raffaele”
Guede libero, lo sfogo di Amanda Knox: “Ora dica la verità, lo faccia per me e Raffaele”
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni