8.849 CONDIVISIONI
24 Luglio 2022
10:55

Medico stroncato da infarto dopo 24 ore di lavoro, i colleghi: “Siamo in pochi, faceva da tappabuchi”

Il medico Giovanni Buccoliero è morto dopo 24 ore di lavoro in corsia. Il primario è stato stroncato da un infarto. La procura di Taranto ha aperto un’inchiesta sul decesso. I colleghi dell’ospedale Giannuzzi di Manduria accusano: “Siamo in pochi, lui faceva da tappabuchi”
A cura di Gabriella Mazzeo
8.849 CONDIVISIONI
Giovanni Buccoliero, foto da Facebook
Giovanni Buccoliero, foto da Facebook

Giovanni Buccoliero faceva da "tappabuchi" in un ospedale il cui personale non è sufficiente per coprire il numero di visite e di interventi giornaliero. Per questo il primario ha lavorato per 24 ore consecutive tra il Pronto soccorso e il reparto di Medicina del nosocomio Giannuzzi di Manduria (Taranto).

Il medico è morto di infarto attorno alle 8.30 di giovedì mattina, mentre faceva il giro tra i pazienti. L'uomo si è allontanato dicendo ai colleghi che stava andando in bagno, ma non è più tornato. Preoccupati per il ritardo, gli infermieri sono andati a controllare e lo hanno trovato riverso a terra, dietro la porta.

Nonostante l'intervento tempestivo per rianimarlo, non c'era già più nulla da fare. "Siamo sotto organico e Giovanni, come tanti di noi, faceva il tappabuchi – hanno spiegato più tardi i colleghi alla stampa -. Aveva lavorato dodici ore al Pronto soccorso, poi dalle 8 del mattino era entrato in reparto ed era tornato a casa solo mercoledì sera. Giovedì mattina era di nuovo in corsia a fare visite".

La Procura di Taranto ha aperto un'inchiesta sul decesso per capire se ci sia stato un nesso di causa-effetto tra l'arresto cardiaco e le 24 ore di lavoro continuativo di Buccoliero. I colleghi del medico deceduto raccontano che al Giannuzzi i turni di lavoro sono ormai massacranti. Tutto, spiegano, per garantire solo gli standard minimi di assistenza medica.

I sindacati di categoria sono insorti: Filippo Annelli, presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (Fnomceo) ha sottolineato che i dottori sono sottoposti a gravi disagi da superlavoro con turni infiniti, senza possibilità di fruire dei riposi previsti dalla legge, o delle ferie.

Il problema in Puglia è il blocco delle assunzioni che ha determinato la carenza di personale. I medici si sono quindi trovati costretti ad effettuare più turni di lavoro anche alla luce dell'emergenza Covid e caldo, così come decretato da una disposizione dell'assessorato regionale alla sanità. I professionisti in servizio al Giannuzzi di Manduria sono al momento solo 5 e non riescono a coprire le esigenze dell'ospedale. Per questo Buccoliero ha dovuto sostenere dodici ore in Pronto soccorso per poi farne altre 12 a Medicina.

I carabinieri della Compagnia di Manduria hanno acquisito i tabulati dei turni e raccolto alcune testimonianze. Nella serata di ieri si sono svolti i funerali del medico a Sava, in provincia di Taranto. Buccoliero ha lasciato una moglie e tre figli

8.849 CONDIVISIONI
Altri tre poliziotti e carabinieri si sono suicidati nelle ultime 24 ore: avevano 39 e 43 anni
Altri tre poliziotti e carabinieri si sono suicidati nelle ultime 24 ore: avevano 39 e 43 anni
La moglie morta per un tumore, i colleghi gli regalano 270 ore di ferie per accudire i figli
La moglie morta per un tumore, i colleghi gli regalano 270 ore di ferie per accudire i figli
Esce con la scusa di un'escursione in montagna e si impicca: il corpo del 32enne ritrovato dopo 24 ore
Esce con la scusa di un'escursione in montagna e si impicca: il corpo del 32enne ritrovato dopo 24 ore
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni