La prima prova della Maturità 2019 è vicina: è partito il conto alla rovescia per mercoledì 19 giugno, quando i maturandi di tutta Italia saranno alle prese con il tema d'Italiano. Il giorno seguente, giovedì 20 giugno, sarà la volta della seconda prova scritta, quella d'indirizzo, tra le più temute dagli studenti, anche per le numerose novità previste dalla nuova normativa. Per tutti coloro che si stanno preparando ad affrontare l'esame di Stato, ecco una breve guida su cosa portare con sé a scuola e mettere nello zaino nei giorni delle prove scritte per superare al meglio e senza problemi la Maturità 2019ricordando che già nel corso delle simulazioni della prima e seconda prova, svolte nei mesi scorsi su impulso del Miur, i ragazzi hanno potuto avere un assaggio di ciò che sarà ammesso e ciò che sarà vietato portare durante l'esame.

Prima prova Maturità 2019: cosa si può portare

La prima prova della Maturità 2019, quella d'italiano, è in calendario mercoledì 19 giugno: a partire dalle 08:30 i maturandi avranno 6 ore di tempo a disposizione per scegliere una tra le 7 tracce stabilite dal Miur, e uguali per tutti gli istituiti a livello nazionale, suddivise tra 3 tipologie, analisi del testo, testo argomentativo e d'attualità, e portare a termine il tema. Tra i materiali indispensabili da portare con sé per affrontare al meglio la prima prova c'è di sicuro il vocabolario della lingua italiana. Come aveva spiegato Christian Raimo, docente e scrittore romano, in una intervista a Fanpage.it con i consigli su come prepararsi alla Maturità 2019, "un buon dizionario è il migliore amico degli studenti quando si parla di esame di Stato". Come già avvenuto nel corso delle simulazioni della prima prova dei mesi scorsi, è ammesso anche il vocabolario dei sinonimi e dei contrari. Non dimenticate neppure di portare la carta d'identità, perché è indispensabile presentare un documento di riconoscimento, la penna, acqua e altri generi di conforto per non rischiare di rimanere disidrati o senza energie durante lo svolgimento della prova.

Maturità 2019: cosa portare alla seconda prova

La seconda prova, quella d'indirizzo, è la più temuta della Maturità 2019. Quest'anno, infatti, ci saranno tracce miste, ad esempio al liceo classico i maturandi dovranno confrontarsi sia con la versione di greco che di latino, mentre al liceo scientifico con fisica e matematica. Ma cosa bisogna portare con sé giovedì 20 giugno, quando comincerà la seconda prova? La risposta, in questo caso, cambia a seconda degli istituti: le tracce, infatti, vengono sempre stabilite dal Miur, come per la prima prova, ma cambiano a seconda del percorso di studi scolastico, come già avvenuto per le simulazioni della seconda prova. Tutti devono portare con sé la carta d'identità, acqua e altri generi di prima utilità. Obbligatorio al liceo classico, linguistico e delle scienze umane è il vocabolario, nel primo caso di latino e greco, di lingua straniera per il linguistico. Nel caso delle scienze sociali si tratta di un vocabolario in lingua italiana. Al liceo scientifico bisogna portare la calcolatrice: vanno bene tutti i tipi, basta che non sia programmabile. Al liceo musicale si deve portare lo strumento oggetto della seconda prova e matite, compassi, squadre e strumentazione tecnica per liceo artistico e alcuni tecnici. Non dimenticate neppure il codice civile per svolgere la seconda prova in alcuni istituti tecnici.