103 CONDIVISIONI
14 Luglio 2021
16:07

Marco Eletti, lo scrittore di thriller arrestato. “Ha ucciso il padre perché ha scoperto la sua doppia vita”

Il giovane autore di thriller era stato il primo a lanciare l’allarme il 24 aprile scorso, allertando le forze dell’ordine: il 33enne avrebbe preso il padre a martellate e ferito gravemente la madre. Ora gli inquirenti starebbero ipotizzando nuovi aspetti della vicenda, alla luce della presunta doppia vita del 58enne, emersa anche da un profilo social a lui ricondotto, dove si faceva riferimento a una diversa identità di genere.
A cura di Biagio Chiariello
103 CONDIVISIONI

Una doppia vita, legata a un'altra identità di genere di cui il figlio non era a conoscenza e che quando è emersa ha portato ad una violenta discussione col padre, finita nel sangue. Sarebbe questo il movente dell'omicidio di Paolo Eletti, 58 anni, ucciso a martellate in testa il cui cadavere è stato ritrovato il 24 aprile a San Martino in Rio, in provincia di Reggio Emilia, a fianco della moglie 54enne, Sabrina, narcotizzata e con i polsi tagliati. La donna, parrucchiera di professione, era stata trasferita all’ospedale locale, dove è rimasta in bilico tra la vita e la morte per diverse settimane. Le sue condizioni sono pian piano migliorate, fino alla completa guarigione.

L'omicidio

Per l'episodio, su cui indagano i carabinieri, coordinati dalla Procura di Reggio Emilia, era stato fermato subito il figlio della coppia, Marco Eletti, che ha all’attivo diversi romanzi di successo, tra cui “Sotto stato d’assedio” e “La Regola del Numero Sette” con cui è arrivato in finale nel premio Urania. Il ragazzo non ha mai confessato il delitto. Attualmente si trova in custodia cautelare in carcere, accusato di omicidio aggravato da premeditazione, futili motivi e dall'utilizzo di mezzi insidiosi. Il 33enne, che vive da tempo da solo, spesso si recava a trovare i suoi genitori.

Il movente

In un primo momento gli inquirenti avevano ipotizzato che il movente poteva ricercarsi in una diatriba per questioni patrimoniali, di cui da tempo sembra che discutessero genitori e figlio. Ora starebbero ipotizzando anche questo aspetto, alla luce della presunta doppia vita del 58enne, emersa anche da un profilo social a lui ricondotto, dove si faceva riferimento a una diversa identità di genere, che potrebbe essere stato scoperto anche dal presunto killer. Circostanza, questa, che potrebbe aver portato il figlio ad affrontare il padre e poi compiere il delitto di cui è accusato dalla Procura reggiana.

103 CONDIVISIONI
Alessandra Zorzin, uccisa a 21 anni: il killer si è tolto la vita con la pistola dell'omicidio
Alessandra Zorzin, uccisa a 21 anni: il killer si è tolto la vita con la pistola dell'omicidio
196 di Videonews
Sepolti in un’unica bara Martyn e Sophie: padre e figlia di 3 anni, uccisi nella strage di Plymouth
Sepolti in un’unica bara Martyn e Sophie: padre e figlia di 3 anni, uccisi nella strage di Plymouth
2.258 di Videonews
Omicidio-suicidio nel Padovano, padre uccide la figlia il giorno del suo compleanno e poi si spara
Omicidio-suicidio nel Padovano, padre uccide la figlia il giorno del suo compleanno e poi si spara
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni