4.789 CONDIVISIONI
1 Giugno 2017
20:03

Manchester, Lisa si sveglia dal coma e scopre che sua figlia Saffie è morta nell’attentato

Si è risvegliata in ospedale a Manchester Lisa Roussos, una dei tanti feriti per l’attentato terroristico di Manchester. La prima notizia che le è stata data è la morte della figlia Saffie, di 8 anni. La più giovane vittima dell’attentato.
4.789 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'eroe del giorno

Lisa Roussos si è svegliata. Dopo essere stata in coma farmacologico per le gravi ferite provocate da una scheggia al concerto di Arana Grande a Manchester e dopo avere superato due difficili operazioni Lisa, 48 anni, ha riaperto gli occhi ed è riuscita a comunicare con i suoi famigliari. Nello stesso ospedale è stata ricoverata anche la sua figlia più grande e anche lei secondo i medici è fuori pericolo.

La più piccola, Saffie di 8 anni, invece è morta durante l'attentato terroristico. E sua madre Lisa, appena ha aperto gli occhi, ha dovuto fare i conti con un ritorno alla vita che è stata una valanga di dolore.

L'intera città ha aspettato per giorni di avere notizie della sorte di Lisa: la piccola Saffie è stata la più giovane vittima della Manchester Arena e la sua storia (e quel suo pezzo di famiglia, madre e sorella, ancora appeso a un filo) è diventata la ferita sempre sanguinante dell'orrore. All'esterno del negozio Fish & Chips della famiglia nei giorni scorsi si sono accumulati centinaia di mazzi di fiori e di messaggi per testimoniare la propria vicinanza a Andrew, il marito.

È stato un amico di famiglia, Mike Swanson, a comunicare alla stampa del "risveglio" di Lisa: «La notizia che Lisa è fuori pericolo è una gioia immensa – ha detto Swanson – era in condizioni critiche fin dall'inizio ma ora finalmente muove le gambe. Ha saputo della morte di Saffie.»

Mike è stato al fianco del marito Andrew fin da subito: «Lui è stato fortissimo, – ha raccontato – è stato un inferno. Io ho dovuto raccontare a mia figlia che la sua migliore amica non sarebbe più ritornata a casa. Eppure è stato Andrew a darmi forza. L'ha data a tutto il quartiere».

La famiglia Roussos è arrivata a Manchester da Limassol, Cipro. Vivevano a Southport con le due figlie – Saffie e Zander (che ha 10 anni) e sono molto conosciuti in città. Ora Andrew attende il ritorno a casa della moglie e dell'altra figlia. E poi, come un buco, c'è quell'assenza di Saffie con cui riuscire a fare pace.

4.789 CONDIVISIONI
Autore, attore, scrittore, politicamente attivo. Racconto storie, sul palcoscenico, su carte e su schermo e cerco di tenere allenato il muscolo della curiosità. Collaboro dal 2013 con Fanpage.it, curando le rubriche "Le uova nel paniere" e "L'eroe del giorno" e realizzando il format video "RadioMafiopoli". Quando alcuni mafiosi mi hanno dato dello “scassaminchia” ho deciso di aggiungerlo alle referenze.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'eroe del giorno
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni