Il maltempo non lascia l’Italia. Anche domani, martedì 26 gennaio, è allerta gialla su otto regioni. Una perturbazione atlantica, in rapido transito sulle regioni centrali adriatiche e meridionali, porterà un rinforzo della ventilazione dai quadranti settentrionali dell'Italia al Sud. L'avviso prevede venti da forti a burrasca nord-occidentali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia, con raffiche di burrasca forte, specie sui settori costieri adriatici e ionici e lungo i crinali appenninici. Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata allerta gialla su Umbria, Abruzzo, Molise e Basilicata e su parte di Emilia-Romagna, Campania, Calabria e Sicilia.

Allerta gialla su 8 regioni martedì 26 gennaio

Per la giornata di martedì prevista allerta meteo-idro gialla su 8 regioni. Sul sito della Protezione civile il dettaglio del bollettino di criticità del 26 gennaio.

Ordinaria criticità per rischio idraulico/allerta gialla:
Basilicata: Basi-A2, Basi-E2, Basi-E1, Basi-A1, Basi-D, Basi-C, Basi-B
Calabria: Versante Tirrenico Centro-settentrionale, Versante Tirrenico Centro-meridionale, Versante Tirrenico Meridionale
Campania: Piana Sele e Alto Cilento, Basso Cilento, Tanagro
Emilia Romagna: Pianura bolognese di Reno e suoi affluenti, Pianura modenese di Secchia e Panaro
Molise: Litoranea, Frentani – Sannio – Matese, Alto Volturno – Medio Sangro.

Ordinaria criticità per rischio temporali/allerta gialla:
Basilicata: Basi-A2, Basi-D, Basi-C
Calabria: Versante Tirrenico Centro-settentrionale, Versante Tirrenico Centro-meridionale, Versante Tirrenico Meridionale
Sicilia: Centro-Settentrionale, versante tirrenico, Nord-Orientale, versante tirrenico e isole Eolie, Nord-Occidentale e isole Egadi e Ustica, Centro-Meridionale e isole Pelagie, Sud-Occidentale e isola di Pantelleria, Nord-Orientale, versante ionico.

Ordinaria criticità per rischio idrogeologico/allerta gialla:
Abruzzo: Bacino del Pescara, Bacino Alto del Sangro, Bacini Tordino Vomano, Bacino dell'Aterno, Marsica, Bacino Basso del Sangro
Basilicata: Basi-A2, Basi-D, Basi-C
Calabria: Versante Tirrenico Centro-settentrionale, Versante Tirrenico Centro-meridionale, Versante Tirrenico Meridionale
Campania: Piana Sele e Alto Cilento, Basso Cilento, Tanagro
Molise: Litoranea, Frentani – Sannio – Matese, Alto Volturno – Medio Sangro
Sicilia: Centro-Settentrionale, versante tirrenico, Nord-Orientale, versante tirrenico e isole Eolie, Nord-Occidentale e isole Egadi e Ustica, Centro-Meridionale e isole Pelagie, Sud-Occidentale e isola di Pantelleria, Nord-Orientale, versante ionico
Umbria: Medio Tevere, Chiascio – Topino, Chiani – Paglia, Nera – Corno, Trasimeno – Nestore, Alto Tevere.

Allerta Protezione civile, venti di burrasca e mareggiate

Una vasta area depressionaria, centrata sull’Europa settentrionale, si distende fino al Mediterraneo centrale convogliando verso l’Italia diversi impulsi perturbati. Nella giornata di martedì un impulso atlantico, in rapido transito sulle regioni centrali adriatiche e meridionali, sarà accompagnato da un deciso rinforzo della ventilazione dai quadranti settentrionali al sud. L’avviso prevede dal mattino di domani venti da forti a burrasca nord-occidentali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia, con raffiche di burrasca forte, specie sui settori costieri adriatici e ionici e lungo i crinali appenninici. Mareggiate lungo le coste esposte.