In alcune immagini trasmesse dal programma Dritto e Rovescio su Rete4 si vedono le ultime ore di Saman Abbas, la 18enne scomparsa a Novellara dopo essersi opposta a un matrimonio combinato. Nei fotogrammi, Saman è in compagnia del fratello 16enne e non porta il velo. Ha i capelli raccolti e il telefono stretto in una mano. Il 29 aprile, giorno in cui le telecamere la riprendono per l'ultima volta, è diretta verso casa dello zio. Poche ore dopo la ragazza è scomparsa. Le immagini sembrano dare maggior peso all'ipotesi della procura secondo cui la giovane era stata tratta in inganno a casa di suo zio, complice dei genitori. Da giorni, secondo l'accusa, avevano deciso di uccidere la 18enne dopo il rifiuto al matrimonio combinato deciso dalla famiglia.

Danish Hasnain, zio della giovane, sarebbe stato l'esecutore materiale dell'omicidio. Le forze dell'ordine sono ancora alla ricerca di un corpo nelle campagne circostanti l'abitazione familiare. I genitori di Saman, invece, sono partiti verso il Pakistan, sostenendo di dover assistere un parente malato. Cugini e zii hanno lasciato l'Italia poco dopo per raggiungere l'estero con voli diretti in diverse parti d'Europa. Il cugino Ikram Ijaz è stato arrestato mentre cercava di raggiungere da Nimes la Spagna. L'uomo è indagato per omicidio premeditato insieme allo zio e ai genitori di Saman. La 18enne si era opposta già una prima volta a un matrimonio combinato. Aveva chiesto aiuto agli assistenti sociali che avevano trovato per lei rifugio in una struttura protetta nel Bolognese. Proprio qui aveva incontrato il fidanzato 21enne. Dopo pochi mesi, però, aveva deciso di fare ritorno presso casa della famiglia e lì aveva dovuto raccontare del suo nuovo amore. "Se non mi senti per 48 ore, chiama la polizia" gli aveva scritto la ragazza una sera, confessando le sue paure. Poco prima della scomparsa, Saman avrebbe avuto una lite violenta con i genitori per quella relazione che non accettavano. "Ho detto  ai miei che è finita" gli aveva scritto per tranquillizzarlo. Quello, secondo gli inquirenti, è stato l'ultimo disperato tentativo della 18enne di proteggere se stessa e il fidanzato.