2.343 CONDIVISIONI
Covid 19
30 Ottobre 2020
16:52

Le cinque regioni a rischio lockdown dopo aver raggiunto lo scenario 4 con Rt sopra 1,5

Secondo il monitoraggio settimanale di Iss e Ministero della Salute, mentre l’indice Rt nazionale ha raggiunto quota 1,70, ci sarebbero ben 5 regioni a rischio lockdown, avendo già raggiunto lo scenario quattro, il più grave, dell’emergenza Coronavirus: si tratta Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte, Bolzano e Calabria. In tutte le altre lo scenario è ancora di tipo 3.
A cura di Ida Artiaco
2.343 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

La situazione epidemiologica in Italia è ancora in peggioramento. È quanto è emerso dal monitoraggio settimanale effettuato dall'Istituto superiore di Sanità e dal Ministero della Salute, spiegato in conferenza stampa da Silvio Brusaferro. Il quale ha sottolineato che si tratta comunque di un quadro che è precedente alle misure stabilite con l'ultimo Dpcm del 25 ottobre. Da sottolineare il fatto che l'indice Rt, cioè l'indice di trasmissibilità del virus, è salito a quota 1,70 a livello nazionale, ben sopra la soglia di guardia di 1. Ed anche a livello regionale le cifre non cambiano: tutte le regioni presentano indice Rt sopra l'1, alcune delle quali già nello scenario 4 dell'emergenza. Per questo, ha aggiunto Brusaferro, "per contrastare questo tipo di curva è importante lavorare per ridurre le interazioni fisiche, cioè la circolazione deve essere contenuta per evitare la pressione sui servizi sanitari".

L'indice Rt regione per regione

Nel periodo compreso tra l'8 e il 21 ottobre 2020, l’Rt calcolato sui casi sintomatici è pari a 1,70. Si riscontrano valori di Rt superiori a 1,25 nella maggior parte delle Regioni/PA italiane con valori superiori anche a 1,5. Ma l’Rt di una regione è frutto di una media tra le varie aree, perché in alcune regioni ci sono aree o province particolarmente colpite e altre meno.Ecco, di seguito, la situazione regione per regione:

  • Abruzzo: Rt 1.13
  • Basilicata: Rt 0.83
  • Calabria: Rt 1.84
  • Campania: Rt 1.29
  • Emilia Romagna: Rt 1.6
  • Friuli Venezia Giulia: Rt 1.47
  • Lazio: Rt 1.43
  • Liguria: Rt 1.35
  • Lombardia: Rt 2.01
  • Marche: Rt 1.35
  • Molise: Rt 2.1
  • PA Bolzano: Rt 1.92
  • Pa Trento: Rt 1.56
  • Piemonte: Rt 1.99
  • Puglia: Rt 1.47
  • Sardegna: Rt 1.04
  • Sicilia: Rt 1.38
  • Toscana: Rt 1.19
  • Umbria: Rt 1.45
  • Valle d’Aosta 0.92
  • Veneto: 1.47

Undici Regioni italiane, secondo i dati, sono comunque classificate a rischio elevato di una trasmissione non controllata della malattia: Abruzzo, Basilicata, Veneto, Liguria, Val D’Aosta, Calabria, Lombardia, Piemonte, Puglia, Sicilia, Toscana. Altre otto regioni sono classificate a rischio moderato con elevata possibilità di progredire a rischio alto nel prossimo mese: Campania, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Molise, Bolzano, Trento, Umbria. Comunque tutte le Regioni hanno riportato criticità di resilienza, tranne il Molise.

Le regioni nello scenario 4

Con un numero di nuovi casi segnalati quasi raddoppiato rispetto alla settimana del 12-18 ottobre 2020 (100.446 casi rispetto a 52.960 casi nella settimana precedente), questa settimana, per la prima volta, è stato segnalato il superamento della soglia critica di occupazione in aree mediche (40%). Complessivamente, il numero di persone ricoverate in terapia intensiva è salito da 750 della scorsa settimana a 1.208 del 25 ottobre; mentre il numero di persone ricoverate in aree mediche è passato da 7.131 a 12.006 con raddoppio in 7 giorno.  Anche se lo scenario italiano generale è ancora di tipo 3, relativamente ai dati della scorsa settimana, si va verso uno scenario di tipo 4, precisano Iss e ministero, ricordando che nelle regioni più critiche, e cioè Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte, provincia autonoma di Bolzano e Calabria ormai la velocità di trasmissione è già compatibile con uno scenario 4 con rischio di tenuta dei servizi sanitari nel breve periodo.

2.343 CONDIVISIONI
28333 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni