361 CONDIVISIONI
Omicidio Giulia Cecchettin

La voce di Filippo Turetta negli audio ad amici: “A Giulia non piacciono le tisane, vuoi contraddirmi? “

La voce di Filippo Turetta negli audio mandati in onda da Chi l’ha visto?. In vista della festa di laurea, che Giulia Cecchettin non festeggerà mai, ha detto: “A Giulia non piacciono le tisane, le considera acqua sporca. A meno che tu non mi contraddici e dici che è una sua caratteristica, ma non mi pare proprio”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Ida Artiaco
361 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Omicidio Giulia Cecchettin

"Ciao, volevo chiederti un’opinione perché ho raccolto tutti i dettagli della chat ma ci sono cose che non saprei come dire". A parlare è Filippo Turetta, il quasi 22enne che lo scorso 11 novembre ha ucciso la ex fidanzata Giulia Cecchettin. Si tratta di un messaggio vocale che il ragazzo ha inviato ad alcuni amici qualche settimana prima dell'omicidio di Giulia.

I due parlavano del regalo per la laurea che Giulia avrebbe dovuto sostenere qualche giorno dopo la scomparsa, denunciata dalla famiglia domenica 12 novembre. Seduta alla quale non si presenterà mai. Nell'audio, mandato in onda in esclusiva ieri sera nel corso della trasmissione Chi l'ha visto? su Rai 3, si sente la voce di Filippo, che cerca in tutti i modi di avere un controllo su Giulia.

"Ad esempio le tisane – si sente ancora nell'audio, riferendosi a un disegno che gli amici della ragazza avrebbero voluto regalarle -: a Giulia non piacciono le tisane, le considera acqua sporca. A meno che tu non mi contraddici e dici che è una caratteristica della Giulia, ma non mi pare proprio, cosa facciamo con questo dettaglio che hanno scritto?".

Filippo dice in un'altra telefonata che Giulia non ha le idee chiare su cosa voglia in vista della laurea: "Non sa cosa voglia le venga lanciato, ad esempio. Poi dobbiamo considerare che sarà tre o quattro settimane, quindi sarà freddino. Poi mi diceva che comunque pensava che è un evento che succede una volta nella vita, è speciale, quindi qualcosa di divertente, come coriandoli e farina!".

Immagine

Nel corso della trasmissione sono stati rivelati anche altri messaggi che Turetta ha inviato alla sorella di Giulia, Elena Cecchettin, che mostrano l'ossessione del ragazzo per la ex fidanzata. Nei messaggi, Filippo "chiede" alla sorella della ex di "farle accendere il cellulare". Alla richiesta, Elena risponde con un secco "no" e poi un "dalle un attimo di respiro". Lui poi sbotta: "Di respiro da cosa? Mi aveva promesso che mi mandava qualche foto e video della giornata".

I messaggi forse servono a fornire elementi per l’accusa di stalking: l’avvocato Nicodemo Gentile ne aveva parlato sostenendo che avevano causato nella ragazza uno stato d’ansia, come testimoniato anche da alcuni vocali inviati dalla ragazza alle amiche, in cui affermava di sentirsi in colpa perché avrebbe voluto allontanarsi dall'ex fidanzato ma aveva paura che lui potesse farsi del male.

Giulia Cecchettin
Giulia Cecchettin

Intanto, il ragazzo, mentre continuano le indagini, resta nel carcere di Verona, dove gli altri detenuti hanno reso pubblica una lettera: "Vogliamo precisare il disgusto nell’aver visto “giudizi in diretta” prima che Filippo o qualsiasi indagato fosse sentito. E senza rispetto dei genitori, colpiti entrambi da una violenza psicologica. Non c’è stata alcuna protesta da parte nostra per la consegna dei libri dovuti al detenuto Turetta. Tenendo conto che è indagato per un reato diverso dal nostro, la popolazione carceraria non avrebbe acconsentito ad agevolazioni di favore rispetto ad altri", si legge nella missiva.

361 CONDIVISIONI
229 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni