4.485 CONDIVISIONI
13 Maggio 2022
07:39

La vita degli orfani rinchiusi nei manicomi d’Italia prima della legge Basaglia

Mario ha trascorso oltre trenta anni nel manicomio di Racconigi a Cuneo dopo che la madre lo aveva abbandonato fuori da una chiesa quando era ancora in fasce.
A cura di Simona Berterame
4.485 CONDIVISIONI

Non avere una famiglia bastava per entrare in manicomio. Lo sa bene Mario Basso, finito in uno dei padiglioni del Racconigi a Cuneo solo perché sua madre lo aveva abbandonato ancora in fasce.  Mario, classe 1939, Nel dopoguerra i bambini rimasti soli erano tantissimi, gli orfanotrofi non avevamo abbastanza posti per tutti. Bastava essere un po’ taciturno, avere qualche difficoltà nel mostrare le proprie emozioni per essere considerato idoneo per il manicomio. E senza mamma e papà lì fuori, le possibilità un giorno di uscire erano pressoché inesistenti.

Una vita tra quattro mura

Un'infanzia negata e una vita destinata ad essere vissuta tra quattro mura. Questo era il destino dei pazienti più piccoli dei padiglioni. L'unico modo per uscire dal manicomio , secondo la legge Giolitti del 1904, era ottenere una dimissione in esperimento. I parenti più prossimi, se erano d'accordo, potevano riportare a casa il paziente per un breve periodo. Niente parenti, niente rientro a casa.

Mario Basso non aveva nessuno al mondo e questo bastava per trascorrere anni e anni chiuso in un padiglione. "Mi dicevano che ero pazzoide, che ero matto di testa – esclama mentre ci mostra quello che resta del vecchio manicomio – ma io matto non lo sono mai stato". Avrebbe voluto studiare Mario, costruirsi una vita vera, trovare una famiglia. Ma quando trascorri quasi 40 anni chiuso tra quattro mura, forse non diventi matto ma la tua mente prende una piega strana. Mario è tra i "fortunati" che sono usciti dai manicomi, grazie alla loro lenta dismissione avvenuta dopo l'approvazione della legge Basaglia nel 1978. I più sventurati invece non hanno mai visto il mondo fuori dalle sbarre dei padiglioni, sono entrati ancora bambini e morti lì senza conoscere niente, potendo solo inventarsi una vita tra le quattro mura di un reparto.

4.485 CONDIVISIONI
Inizia a Vienna la prima Conferenza per l'abolizione delle armi nucleari, l'Italia non partecipa
Inizia a Vienna la prima Conferenza per l'abolizione delle armi nucleari, l'Italia non partecipa
Dramma in casa a Venezia, strangola la moglie e si suicida
Dramma in casa a Venezia, strangola la moglie e si suicida
Il surreale intervento di Montaruli alla Camera e il paragone tra ius scholae e cannabis legale
Il surreale intervento di Montaruli alla Camera e il paragone tra ius scholae e cannabis legale
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni