11.979 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
14 Marzo 2022
13:20

La Procura ha aperto un’indagine per l’aumento dei prezzi di gas, energia elettrica e carburante

Le indagini sono state affidate al nucleo di polizia economico-finanziaria di Roma della Guardia di Finanza. Al momento non è stata formulata un’ipotesi di reato.
A cura di Natascia Grbic
11.979 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

La Procura di Roma ha aperto un'indagine sull'aumento dei prezzi di gas, energia elettrica e carburanti. Il procedimento è al momento contro ignoti, non risultano persone indagate e non è stata ancora formulata un'ipotesi di reato. Secondo quanto riferito dalla Procura, si tratta di un'indagine "volta a verificare le ragioni di tale aumento e individuare eventuali responsabili". Gli accertamenti sono stati affidati ai militari della Guardia di Finanza. Nelle ultime settimane i prezzi di gas, energia elettrica e carburanti sono aumentati in modo esponenziale, mettendo in seria difficoltà i cittadini. Il costo di benzina e gasolio al litro è in crescita: la media nazionale vede la prima in self service a 2,214 euro/litro, il diesel a 2,218 euro/litro.

Cingolani: "Aumento carburante è truffa colossale"

Il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, ospite di SkyTg24 Progress ha definito senza mezzi termini l'aumento dei prezzi del carburante una ‘truffa colossale'. "Non esiste una motivazione tecnica per cui questi carburanti siano così costosi, il mercato ha alzato i prezzi in maniera irragionevole e lo stanno pagando le nostre imprese. I prezzi dell'energia stanno crescendo in maniera assolutamente scollegata dalla realtà dei fatti. Siamo in presenza di una colossale truffa che viene dal nervosismo del mercato ed è fatta a spese delle imprese e dei cittadini". Cingolani ha proposto di mettere un tetto massimo ai prezzi per evitare ulteriori speculazioni, di modo che le aziende non possano decidere autonomamente di andare oltre la soglia stabilita.

Il piano del Governo contro il caro bollette

Per provare a frenare il caro bollette, il Governo ha usato miliardi di soldi pubblici.Il primo ministro Mario Draghi ha annunciato nei giorni scorsi un intervento da sei miliardi, per limitare i costi dell'energia pagati da imprese e cittadini. Secondo questo provvedimento, gli oneri di sistema dell'elettricità e del gas per cittadini, piccole, medie e grandi imprese saranno azzerati. Sul gas, inoltre, l'Iva sarà ridotta al 5%.

11.979 CONDIVISIONI
2584 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni