105 CONDIVISIONI
Coronavirus
30 Luglio 2021
18:48

La variante Delta è dominante: riscontrata nel 94,8% dei tamponi positivi

La mutazione  B.1.617.2 al 20 luglio era stata riscontrata nel 94,8% dei tamponi positivi, in forte aumento rispetto alla rilevazione del 22 giugno e con valori oscillanti tra le singole regioni tra l’80% e il 100%. Sempre al 20 luglio, la variante ‘Alfa’ aveva una prevalenza pari al 3,2% mentre la ‘brasiliana’ era all’1,4%.
A cura di Davide Falcioni
105 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

La variante Delta è ormai largamente dominante in Italia: stando all'ultimo report pubblicato oggi dall'Istituto Superiore della Sanità la mutazione  B.1.617.2 al 20 luglio era stata riscontrata nel 94,8% dei tamponi positivi, in forte aumento rispetto alla rilevazione del 22 giugno e con valori oscillanti tra le singole regioni tra l’80% e il 100%. Sempre al 20 luglio, la variante ‘Alfa’ aveva una prevalenza pari al 3,2% mentre la ‘brasiliana’ era all’1,4% (0-16,7%). L’indagine – condotta da ISS e Ministero della Salute in collaborazione  con la Fondazione Bruno Kessler – integra le attività di monitoraggio di routine, e non contiene quindi tutti i casi di varianti rilevate ma solo quelle relative alla giornata presa in considerazione; quella, per l'appunto, del 20 luglio. "La rapida diffusione della variante Delta, ormai predominante, è un dato atteso e coerente con i dati europei, che deve essere monitorato con grande attenzione – ha dichiarato il presidente dell’Iss Silvio Brusaferro – È fondamentale continuare il tracciamento sistematico dei casi per individuare i focolai, e completare il più velocemente possibile il ciclo vaccinale, dal momento che questo garantisce la migliore protezione".

L'Istituto Superiore della Sanità ha ricordato che "la variante Delta è caratterizzata da una trasmissibilità dal 40 al 60% più elevata rispetto alla variante Alfa, ed è associata ad un rischio relativamente più elevato di infezione in soggetti non vaccinati o parzialmente vaccinati". Per questa ragione nell’attuale scenario europeo e nazionale, caratterizzato dalla circolazione di diverse varianti di SARS-CoV-2, "è necessario continuare a monitorare con grande attenzione, in coerenza con le raccomandazioni nazionali ed internazionali e con le indicazioni ministeriali, la loro diffusione ed, in particolare, di quelle a maggiore trasmissibilità o con mutazioni correlate a potenziale evasione della risposta immunitaria". Per finire "al fine di contenerne ed attenuarne l’impatto, è importante mantenere l’incidenza a valori che permettano il sistematico tracciamento della maggior parte dei casi positivi e, per quanto possibile, il sequenziamento massivo di SARS-CoV-2 per individuare precocemente e controllare l’evoluzione e il rapido diffondersi di varianti virali nel nostro Paese".

105 CONDIVISIONI
27058 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni