Un'aula improvvisata lungo la strada per insegnare matematica, scienze, inglese ed educazione fisica. Così Virendra e Veena Gupta, un ex diplomatico indiano e sua moglie, hanno deciso di aiutare i bambini meno fortunati della capitale indiana. Dopo che il blocco dovuto alla pandemia di coronavirus li ha lasciati soli e senza la possibilità di andare a scuola. Tutto è iniziato quando la cameriera di Veena, che vive sulla riva del fiume Yamuna, si è lamentata del fatto che con le scuole chiuse, i bambini della sua comunità impoverita stavano perdendo tempo.

Infatti, il governo indiano ha chiuso le scuole in tutto il paese da fine marzo e la maggior parte degli istituti continua a rimanerlo visto che il numero dei casi ha superato i 5 milioni, rendendo l'India il secondo Paese più colpito al mondo dopo gli Stati Uniti. Molte scuole private sono passate all'apprendimento digitale e alle lezioni online, ma per molti dei bambini che frequentano le scuole pubbliche gestite dal governo questa opzione è impraticabile. Non tutti hanno i mezzi per acquistare strumenti di apprendimento digitale come computer e smartphone.
Veena e Virendra hanno deciso di fare qualcosa in modo che quando riapriranno le scuole i bambini non vengano lasciati indietro rispetto a chi ha invece potuto continuare a usufruire della didattica online. "Non hanno accesso a Internet, le loro scuole sono chiuse e non hanno alcun mezzo per imparare", ha spiegato Veena, che ha acquistato libri, matite, quaderni e altro materiale didattico e ha allestito la piccola aula all'aperto, all'ombra di un grande albero di banano.
Le classi in strada sono cresciute man mano che dozzine di bambini mostravano sempre più interesse. Attualmente i Gupta danno lezioni a tre diversi gruppi  per tre volte alla settimana, mattina e sera. Una iniziativa che, come hanno dichiarato i due anziani, li fa sentire più vicini ai loro nipoti, che vivono all'estero. "Mio padre mi faceva trascorrere le mie vacanze estive imparando in anticipo il programma di studi dell'anno successivo", ha detto Virendra, che ha servito come ambasciatore indiano in diversi paesi, tra cui il Sudafrica.

Veena ha anche aggiunto che spera di reclutare più volontari per insegnare ai corsi di strada: "Non si tratta dei soldi che le persone possono  dare come contributo, ma del loro tempo. Dovrebbero dedicare un po ‘del loro tempo, circa un'ora, se non tutti i giorni, a giorni alterni, e venire ad aiutare questi bambini".