Immagine di repertorio.
in foto: Immagine di repertorio.

È morto dopo due giorni di agonia un bambino di 11 anni che sabato scorso era rimasto coinvolto in un terribile incidente stradale in Trentino, dove si trovava in vacanza con la famiglia. Il piccolo, originario di Savona, era rimasto coinvolto in un scontro frontale tra l'auto nella quale viaggiava insieme ai genitori ed un'altra vettura all'interno della galleria sulla strada provinciale 232 che collega l'abitato di Predazzo con Ziano di Fiemme. Le sue condizioni sono apparse subito critiche ma è sempre rimasto cosciente subito dopo lo schianto, poi sono peggiorate ieri fino all'esito fatale. Ricoverata in terapia intensiva e in prognosi riservata all'ospedale Santa Chiara di Trento anche la mamma, mentre il papà, trasferito nell'ospedale del capoluogo, non è in condizioni preoccupanti. I tre erano partiti alla volta della Val di Fassa per un periodo di vacanza quando si è verificata la tragedia.

L'incidente ha coinvolto un mezzo proveniente in direzione opposta, con a bordo due passeggeri che però non hanno riportato ferite. L’allarme è scattato poco dopo le 17.15 di sabato 11 luglio, circa a metà del tunnel che corre nella roccia delle pendici del monte Agnello aggirando l’abitato di Ziano. Cinque le persone che erano rimaste incastrate tra le lamiere, per liberare le quali sono intervenuti sul posto 4 ambulanze tra Trentino emergenza e Croce rossa, i vigili del fuoco di Ziano, i corpi di Predazzo e Cavalese, oltre ai carabinieri. Un'operazione lunga e delicata, che ha richiesto svariate ore, mentre la strada è stata chiusa e il traffico deviato per permettere l'intervento della macchina dei soccorsi tra cure, rilievi, pulizia delle sede stradale dai numerosi detriti e la rimozioni dei mezzi incidentati.