Spaventoso incidente, ieri, a Belpasso, in provincia di Catania, in Sicilia. Un 36enne ha perso il controllo del camion che stava guidando e ha travolto un pedone che stava fermo sul marciapiede sull’ingresso di un noto bar di via Vittorio Emanuele III. L'uomo, sulla settantina, è stato soccorso e si trova attualmente ricoverato nel reparto di rianimazione all'ospedale Cannizzaro dove i medici gli hanno riscontrato "politrauma con trauma cranico e agli arti superiori e inferiori", ricoverandolo in prognosi riservata ed in pericolo di vita. Il conducente del mezzo, che per altro come riporta la stampa locale è risultato privo di assicurazione e revisione, prima ha provato a scappare ed è poi si è presentato lui stesso, accompagnato dal proprio di datore di lavoro, alla caserma dei Carabinieri, che lo hanno infine posto agli arresti domiciliari in attesa delle decisioni dell'autorità giudiziaria.

Il 36enne ha riferito ai militari che il veicolo non aveva dato precedentemente alcun segno di cedimento fino a quando, improvvisamente, i freni non hanno più risposto ai comandi. Preso dal panico avrebbe cercato d’avvisare i presenti con il clacson e, dopo aver colliso con alcune autovetture, aveva arrestato la sua corsa proprio all’ingresso del bar. Avrebbe raccomandato ai presenti di soccorrere la persona ferita, prima di andare via perché dolorante ed impaurito per l'accaduto. Una ricostruzione in parte confermata anche da uno dei testimoni dell'incidente, che è riuscito a scampare per un soffio all'impatto con il camion e che ha raccontato a MeridioNews: "Mi sento un miracolato, nell'arco di mezzo secondo ho sentito come un'esplosione. Non mi ero accorto che c'era un'altra persona vicino a me. Mi trovavo all'ingresso del bar e ho avuto la fortuna di sentire il clacson. Mi sono accorto che il mezzo procedeva ad alta velocità e ho temuto non ci fosse possibilità di salvezza. Non so come ma ho avuto la prontezza di girarmi, spostarmi ed evitare il tutto".