Una persona è morta in un incendio scoppiato questa mattina all’interno di una palazzina a Minerbio, in provincia di Bologna. Secondo le prime informazioni la vittima sarebbe un uomo di 64 anni che abitava nell’appartamento all’interno del quale è divampato il rogo. Inoltre, stando a quanto finora emerso dai primi rilevi, l’incendio avrebbe avuto un’origine accidentale. Oltre alla vittima almeno un’altra persona è rimasta intossicata a causa del fumo provocato dal rogo. La palazzina si trova in via Roma: per spegnere le fiamme e soccorrere le persone presenti nell’area sono intervenuti i vigili del fuoco e i carabinieri. Secondo quanto riporta il Resto del Carlino, l’altra persona rimasta intossicata – anch’essa residente nella palazzina – sarebbe grave. Sarebbe rimasta intossicata dal fumo ed è stata soccorsa dai vigili del fuoco e portata al pronto soccorso dell’ospedale di Bentivoglio in condizioni considerate di media gravità.

L’incendio è divampato in una palazzina di edilizia popolare. Le fiamme sarebbero partite, accidentalmente ma per cause ancora ignote, dall’appartamento dell’uomo di 64 anni morto nel rogo. Ma, secondo quanto spiega ancora il Resto del Carlino, si sarebbero propagate fino a interessare anche altri appartamenti all’interno della stessa palazzina. Almeno un paio di famiglie sono sfollate, poiché i loro appartamenti sono stati dichiarati inagibili al termine delle operazioni di spegnimento delle fiamme. La zona, vicina al teatro Minerva, è stata chiusa al traffico dai carabinieri che presidiano l’area. Saranno loro a indagare, insieme ai vigili del fuoco, per capire come sia partito il rogo e quali siano le reali cause.