4.396 CONDIVISIONI
Covid 19
30 Giugno 2021
20:36

In Alto Adige sospesi i primi 115 sanitari No Vax: “Tornerete al vostro posto se vi vaccinerete”

In ossequio alle direttive di Roma sull’obbligo di vaccinazione per medici e infermieri, a partire da domani almeno 115 operatori sanitari no vax altoatesini non si potranno più recare al proprio posto di lavoro.
A cura di Davide Falcioni
4.396 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

L'Alto Adige ha deciso di usare il pugno duro nei confronti dei sanitari che hanno deciso di non vaccinarsi: in ossequio alle direttive di Roma sull'obbligo di vaccinazione per medici e infermieri, a partire da domani almeno 115 operatori sanitari no vax non si potranno più recare al proprio posto di lavoro. L'Azienda sanitaria provinciale ha concluso l'iter di verifiche e l'atto di accertamento dell'inosservanza dell'obbligo vaccinale posto dal decreto Draghi del 1° aprile 2021 è già stato notificato agli operatori, ai quali non verrà più permesso di svolgere prestazioni o mansioni che implicano contatti interpersonali o comportino in qualsiasi altra forma il rischio di diffusione del contagio da Sars-CoV-2. Nei prossimi giorni l'azienda sanitaria verificherà la possibilità di collocare questi dipendenti in una posizione lavorativa non "a rischio" o in smart working. In caso di esito negativo la sospensione avrà effetto retroattivo, dal giorno della notifica dell'accertamento dell'inosservanza dell'obbligo vaccinale.

In Alto Adige il movimento antivaccinista è piuttosto radicato e questo fenomeno riguarda anche il personale sanitario. Complessivamente sono 3.967 gli addetti alla sanità che non si sono vaccinati in provincia di Bolzano all'avvio della campagna vaccinale: di questi, 1.333 appartengono all'Azienda sanitaria, mentre 2.634 sono dipendenti esterni. Nel frattempo, 1.533 persone si sono fatte vaccinare (501 dell'Azienda sanitaria e 1.032 tra il personale esterno). Inoltre, 526 persone (247 dell'Azienda sanitaria e 279 tra il personale esterno) hanno ricevuto un appuntamento per la vaccinazione. Di queste, 183 hanno dato seguito all'invito alla vaccinazione (118 dell'Azienda sanitaria e 65 tra il personale esterno), mentre 343 (Azienda sanitaria: 129; personale esterno: 214) non hanno dato seguito all'invito alla vaccinazione. L'Azienda sanitaria altoatesina sottolinea che "le collaboratrici ed i collaboratori non ancora vaccinati possono decidere di eseguire il vaccino in qualsiasi fase del procedimento, il che rende immediatamente revocate anche le sospensioni già notificate". Un gran numero di collaboratrici e collaboratori è già stato vaccinato nelle ultime settimane. Circa 1.500 di loro hanno anche inviato una giustificazione indicando il motivo per il quale al momento non sono ancora vaccinati (ragioni cliniche o altre ragioni oggettive). Ora queste motivazioni dovranno essere esaminate e valutate internamente dai rispettivi superiori.

4.396 CONDIVISIONI
28422 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni