Una presenza femminile sempre più forte, dalla governance allo staff amministrativo. Il settore dei trasporti si tinge di rosa e tra gli esempi italiani più importanti di questa nuova tendenza c'è l’azienda catanese LCT S.p.a. (Luigi Cozza Trasporti) che continua il suo percorso di sviluppo orientandosi non solo verso l'espansione delle tratte e il miglioramento dei servizi ma anche verso l'aumento del numero dei suoi dipendenti, anche e soprattutto donne. La compagnia siciliana, in controtendenza rispetto ai dati occupazionali generali dell’ultimo periodo, vede una crescita del 67,3% dal 2017 ad oggi. Ciò ha portato ad un incremento non soltanto economico ma che riguarda anche il numero di assunzioni, con il passaggio da 257 a 430 dipendenti in un triennio.

L’importanza conferita alle quote rosa all’interno della LCT S.p.a è trasversale. Infatti, a livello di governance, per forte ed espressa volontà dei vertici aziendali, il CEO è la Dott.ssa Anna Cacciaguerra e, su 70 dipendenti che compongono lo staff amministrativo, la metà è costituita da donne.  Dato che in termini percentuali si traduce precisamente con il 42,8% di quote rosa sul totale dipendi del reparto amministrazione. "Le ragioni di queste scelte – spiegano dall’azienda siciliana a Uomini e Trasporti – sono diverse: alla base vi è la competenza dei soggetti, che prescinde dal genere di appartenenza. L’imparzialità e l’oggettività delle nostre Risorse Umane hanno dato credito all’affidabilità, precisione e attenzione di quelle che sono diventate le nostre dipendenti. Inoltre, il nostro ambiente di lavoro è assolutamente eterogeneo, in quanto si predilige avere un team vario, altamente qualificato e che garantisca la massima efficienza in ogni mansioneInoltre, la società di trasporti Luigi Cozza testimonia lo stretto contatto e l’attenzione verso il proprio territorio grazie all’elevato numero di dipendenti locali".