10 Febbraio 2023
19:09

Il Premio #afiancodelcoraggio che dà voce agli uomini caregiver che sostengono le pazienti con tumore

C’è ancora un po’ di tempo per partecipare al nuovo bando di #afiancodelcoraggio, il Premio letterario ideato e promosso da Roche con l’intento di dare sostegno e valore ai caregiver maschili che accompagnano una donna nel percorso di cura.
A cura di Redazione
Dal sito https://afiancodelcoraggio.it/
Dal sito https://afiancodelcoraggio.it/

Uomini che vivono al fianco di donne che affrontano una malattia e sono testimoni del loro coraggio e della loro forza. Sono le storie di #afiancodelcoraggio, Premio letterario ideato e promosso da Roche con l’intento di dare sostegno e valore ai caregiver maschili che accompagnano una donna nel percorso di cura.

La 6° edizione del concorso è dedicata alle donne che convivono con una malattia oncologica e onco-ematologica. Il Premio si avvale anche per quest’anno della partnership con Anica Academy ETS, l’alta scuola di specializzazione in cinema, audiovisivo e media entertainment.

Gli allievi del corso “Creare Storie”, come parte del loro project work finale, devono sviluppare tre soggetti ispirati ai racconti finalisti da sottoporre alla Giuria del Premio #afiancodelcoraggio che decreterà il vincitore da far diventare un cortometraggio/spot.

Entro il 15 marzo 2023 è possibile condividere la proprio storia attraverso il sito web www.afiancodelcoraggio.it. A seguito la giuria farà una preselezione delle 10 storie semifinaliste. Dal 12 aprile al 12 maggio 2023 il pubblico potrà esprimere sul sito la propria preferenza attribuendo un like a una storia.

I tre racconti che avranno il maggior numero di like saranno al centro del project work nell’ambito del corso di scrittura per giovani sceneggiatori “Creare Storie” a cura di Anica Academy ETS che avrà l’obiettivo di sviluppare 3 soggetti, valutati dalla Giuria per individuare quello destinato a diventare un cortometraggio/spot.

L’evento di lancio, condotto dalla giornalista Costanza Calabrese con la partecipazione dell’attrice Serena Autieri per la lettura delle tre storie finaliste dell’ultima edizione, è stato introdotto da Roberta Volpini, Direttrice Generale ASL ROMA 1, e ha visto gli interventi di Giampaolo Letta, AD di Medusa Film, Barbara Mangiacavalli, Presidente FNOPI, Francesco Rutelli, Presidente Anica Academy ETS, Giovanni Scambia, Policlinico Gemelli e il caregiver e influencer Luca Trapanese.

Orazio Schillaci, Ministro della Salute, con un video ha sottolineato come il cancro si può affrontare con più forza e consapevolezza quando le pazienti possono contare sulla vicinanza dei famigliari. È intervenuto anche Gennaro Sangiuliano, Ministro della Cultura, che ha sottolineato il ruolo fondamentale del linguaggio cinematografico nel veicolare ai cittadini messaggi di alto valore sociale.

“Il Premio #afiancodelcoraggio è un Premio giovane che fin dagli esordi ha avuto l'ambizione di voler cambiare la lente attraverso cui guardare all'esperienza della malattia, raccogliendo il punto di vista inusuale di uomini, papà, compagni, mariti, figli, amici che sono a fianco del coraggio di donne con malattia oncologica – sono le parole di Maurizio de Cicco, Presidente e Amministratore Delegato di Roche Italia –  in un contesto mutato e reso ancora più drammatico dai grandi eventi che ci colpiscono, dare voce a storie di speranza e di sorprendente normalità, a sentimenti profondi e quotidiani come la gioia, la paura, il dolore, la rabbia, diventa una responsabilità sociale verso quella che è la nostra storia collettiva come comunità. Nell'anno in cui ricorrono i nostri 125 anni di attività in Italia essere parte integrante di questi racconti di vita ci inorgoglisce e ci offre lo sprone per fare sempre meglio”.

Bari, tumore al retto rimosso con chirurgia mini-invasiva: paziente a casa in una settimana
Bari, tumore al retto rimosso con chirurgia mini-invasiva: paziente a casa in una settimana
A Cosenza asportato tumore di 10 chili tra rene, stomaco e intestino:
A Cosenza asportato tumore di 10 chili tra rene, stomaco e intestino: "Intervento unico in Italia"
Caso Barbara Capovani, trovate le scarpe che indossava il killer: erano tra 25 tonnellate di rifiuti
Caso Barbara Capovani, trovate le scarpe che indossava il killer: erano tra 25 tonnellate di rifiuti
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni