“In alcuni giorni, la nostra valle è letteralmente invasa da turisti di giornata che creano traffico, immondizia e smog. Lo stop alla circolazione e le restrizioni di accesso sono solo una soluzione a breve termine ma è necessario un piano generale per lo sviluppo futuro", così Friedrich Mittermai, sindaco di Braies, in Alta val Pusteria, ha annunciato l’avvio di uno studio per limitare gli accessi dei turisti mordi e fuggi al Lago di Braies e a tutta la valle. La cosiddetta perla delle Dolomiti infatti da tempo è vittima della sua stessa bellezza, invasa a frotte di turisti che in alcuni periodi dell’anno l’hanno resa praticamente invivibile. I suoi paesaggi che hanno fatto da sfondo alla fiction Tv “Un passo dal cielo” con Terence Hill infatti hanno richiamato in zona frotte di turisti in cerca di scatti spettacolari che, diffusi sui social, hanno alimentato la voglia di visitare la zona.

A fronte di appena 650 abitanti, a Braies ci sono giornate in cui arrivano 15mila turisti a anche se i pernottamenti sono appena 140mila in un anno. Già nell’estate scorsa l'amministrazione locale aveva deciso lo stop totale a qualsiasi vettura o motociclo privato imponendo a tutti o di salire a piedi o usare i bus navetta, ma ora tutti i residenti chiedono pensare a un piano di contenimento che possa evitare per sempre il caos. A questo proposito nei giorni scorsi tre imprenditori hanno deciso di presentare alla cittadinanza la propria idea alla presenza delle autorità locali.

L’obiettivo è sempre quello di evitare l’arrivo massiccio di mezzi privati garantendo una mobilità moderna e alternativa senza emissioni di smog, “in modo che gli ospiti possano raggiungerci con i mezzi pubblici e spostarsi nella valle" ha spiegato uno degli imprenditori coinvolti, Mirko Steiner. Come infrastrutture, il progetto prevede la creazione di un moderno centro visitatori all'ingresso della valle, tra cui un'area ricreativa sul torrente Braies e un parcheggio per i visitatori. Per salire in vetta solo bus navetta a idrogeno ma in futuro ci potrebbe essere anche una piccola rete ferroviaria locale.