198 CONDIVISIONI
Covid 19
5 Gennaio 2022
13:15

Il 72% dei ricoverati per Covid in terapia intensiva è no vax: i dati aggiornati di Fiaso

Secondo l’ultimo report Fiaso, il 72% dei ricoverati per Covid in terapia intensiva è composto da no vax, la metà dei quali godeva di buona salute e non aveva comorbidità prima di arrivare in ospedale. Aumenta fino all’86% il numero dei ricoveri pediatrici, in particolare dei bambini sotto i 4 anni.
A cura di Ida Artiaco
198 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

In Italia nell'ultima settimana sono aumentati di oltre il 25% i ricoveri per Covid, con un incremento ancora più significativo dei pazienti pediatrici che in 7 giorni sono raddoppiati: i ricoveri di under 18 fanno registrare un’impennata dell’86%. È quanto emerge dall'ultimo monitoraggio relativo al periodo 28 dicembre – 4 gennaio realizzato dagli ospedali sentinella della Federazione italiana aziende sanitarie e ospedaliere (Fiaso). La rilevazione è stata effettuata su un totale di 1.860 pazienti adulti e 123 pediatrici.

La situazione dei ricoveri in area medica e in terapia intensiva

Tra i dati più interessanti, ci sono quelli che riguardano la tipologia di pazienti ricoverati in area medica e in terapia intensiva negli ultimi giorni. Per quanto riguarda i reparti ordinari, la presenza di pazienti non vaccinati è del 52% e per altro importante è anche la differenza di età fra vaccinati e non: i primi hanno in media 71 anni, i secondi 63 anni. Diverso anche lo stato di salute tra le due categorie: il 70% dei vaccinati ricoverati soffre di gravi patologie, mentre circa la metà dei pazienti non vaccinati (49%) era in completa buona salute prima del Covid.

Per quanto riguarda le terapie intensive, in una settimana la crescita nei reparti degli ospedali sentinella Fiaso è stata del 13%, più bassa rispetto a quella registrata nei ricoveri ordinari. La proporzione tra pazienti vax e no vax rimane stabile: i non vaccinati ricoverati in rianimazione sono il 72% del totale. La metà di no vax, prima di finire in ospedale, godeva di buona salute e non aveva comorbidità. Il più giovane ha 18 anni, il più anziano 83 anni. Invece, i vaccinati in terapia intensiva sono il 28%: oltre due terzi sono affetti da altre gravi patologie che potrebbero aver determinato una ridotta efficacia del vaccino e per l’85% dei casi sono persone a cui sono state somministrate due dosi di vaccino da oltre 4 mesi e non hanno ancora ricevuto la terza dose.

La situazione nei reparti pediatrici

Un focus a parte è dedicato ai bambini. Nella settimana 28 dicembre – 3 gennaio sono cresciuti dell’86% i pazienti sotto i 18 anni. Nei 4 ospedali pediatrici e nei reparti di pediatria degli ospedali sentinella il numero dei bambini ricoverati è passato da 66 a 123 ed è triplicato il numero di piccoli in terapia intensiva da 2 a 6 in una settimana. Tra i piccoli degenti il 62% ha tra 0 e 4 anni ed è dunque in una fascia di età non vaccinabile. "Il raddoppio dei ricoveri pediatrici, in particolare i bambini sotto i 4 anni – ha commentato il Presidente di Fiaso, Giovanni Migliore – deve indurre a una rapida accelerazione della campagna vaccinale: il vaccino degli adulti ad oggi rappresenta l’unica arma che abbiamo a disposizione per proteggere i più piccoli e più fragili che non possono ancora essere vaccinati".

198 CONDIVISIONI
31293 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni