1 CONDIVISIONI

I primi laureati in Circo Contemporaneo in Italia: “Mi sto comprando casa con questo lavoro”

A Grugliasco (TO) i primi 7 laureati in Circo Contemporaneo, un percorso che vale come una laurea triennale al DAMS. Oltre 4000 ore di formazione su 3 anni per quella che in Italia è l’unica Accademia che può far laureare Artisti di Circo Contemporaneo.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Gianluca Orrù
1 CONDIVISIONI
Un momento della proclamazione
Un momento della proclamazione

Gli oltre 60 atleti artisti provenienti da tutto il mondo studiano non solo le discipline propriamente circensi, ma devono superare esami teorici. "All'insieme di tutte le straordinarie discipline del circo – spiega Paolo Stratta, fondatore del Cirko Vertigo e ora Rettore dell'Accademia – si aggiungono 18 materie teoriche che danno una profondità artistica, culturale, cognitiva. Dalla Storia del Teatro alla Storia della Danza, la Storia del Circo, l'Organizzazione e l'Economia dello Spettacolo, la sociologia, la psicologia, un bagaglio culturale importante che garantirà loro una lunghissima navigazione nel mondo del lavoro".

Paolo Stratta, Rettore dell'Accademia di Circo Contemporaneo
Paolo Stratta, Rettore dell'Accademia di Circo Contemporaneo

Tra i 7 laureati Artisti di Circo Contemporaneo, ci sono i fratelli Cerrato, Andrea e Diego, rispettivamente 34 e 38 anni. Da sempre nel mondo dello spettacolo, si laureano oggi ed entrambi vivono di questo lavoro da quasi 20. "Certo che ci si vive – racconta Diego – e ci si vive anche bene direi… io vengo dall'arte di strada, quindi mi esibisco per cene, conferenze, eventi, teatro, mi occupo anche di progetti di insegnamento in strutture psichiatriche, anche se il mio lavoro principale resta quello di esibirmi con la mia arte"

Dario Cerrato, uno dei laureati.
Dario Cerrato, uno dei laureati.

"Con la mia compagna stiamo comprando casa – racconta Andrea Cerrato – è stato mio fratello maggiore a portarmi sulla strada del Circo, io vengo dalla danza hip hop. Ai nostri genitori? Papà fa lo psicologo, mamma l'assistente sociale, quindi qualcosa di molto lontano dalle arti dello spettacolo. Con costanza e caparbietà siamo riusciti a dimostrare che anche se è un lavoro precario, come quello di tanti artisti, è comunque un lavoro che ci permette di essere autonomi".

Andrea Cerrato, uno dei laureati.
Andrea Cerrato, uno dei laureati.

L'Accademia Vertigo ha circa 60 allievi provenienti da tutto il mondo. Vengono selezionati ogni anno tra i candidati, perchè la scuola è a numero chiuso e i primi due anni sono sostenuti da borse di studio sponsorizzate dalla Compagnia di San Paolo, dalla Fondazione CRT, Comuni e Regione Piemonte.

Le tesi di Laurea in Circo Contemporaneo
Le tesi di Laurea in Circo Contemporaneo

È una delle poche Accademie al mondo di questo genere e i suoi allievi sono distribuiti nelle sedi di Grugliasco e Mondovì(CN), studiano per 5-6 giorni alla settimana per 10-11 ore tra teoria e allenamenti, poi ci sono gli spettacoli e le attività che gli allievi svolgono per mantenersi.

"Io cerco di infilarmi dappertutto, dalle scuole estive agli spettacoli, ai matrimoni – racconta Anna Menini, 27 anni, già laureata al DAMS di Bologna e adesso laureanda all'Accademia di Circo Contemporaneo – mi impegno per realizzare il mio sogno. Venire qui è stato bellissimo, mi sono candidata dopo il Covid. Non volevo più studiare e basta, volevo praticare anche quello che stavo studiando a un livello superiore a quello amatoriale che praticavo in provincia"

Anna Menini, laureanda in Circo Contemporaneo
Anna Menini, laureanda in Circo Contemporaneo

"Mia mamma da ex artista è contenta che abbia intrapreso questa strada – prosegue Anna – mio padre è contento naturalmente, ma ancora ci spera che firmi un contratto per un posto fisso. Ci sono cose però che nella vita ti richiamano, ti attraggono. Il Circo per me è questo".

1 CONDIVISIONI
Vladimir Putin: "L'Italia ci è sempre stata vicina, da voi mi sono sempre sentito a casa"
Vladimir Putin: "L'Italia ci è sempre stata vicina, da voi mi sono sempre sentito a casa"
Palermo, altra tragedia sul lavoro: operaio muore travolto dal crollo del muro di una casa
Palermo, altra tragedia sul lavoro: operaio muore travolto dal crollo del muro di una casa
Perché i Savoia erano in esilio e perché sono tornati in Italia
Perché i Savoia erano in esilio e perché sono tornati in Italia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views