8.088 CONDIVISIONI
Emergenza lavoro
29 Novembre 2022
12:59

“Ho studiato anni per diventare parrucchiere e speso migliaia di euro, ora me ne offrono 5 all’ora”

Fanpage.it riceve e pubblica la lettera di un parrucchiere che si è rivolto alla redazione per “rispondere” alla storia della 23enne che spiegava quanto è frustrante “avere dei sogni e non poterli realizzare”. “Mi sento chiamato in causa, perché come lei, ho difficoltà a trovare un lavoro serio e pagato dignitosamente”, racconta.
8.088 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La posta dei lettori

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un parrucchiere nostro lettore che ha voluto "replicare" alla storia della ventitreenne che Fanpage.it ha raccontato ieri. Scrive di sentirsi chiamato in causa perché come la donna incontra difficoltà nel trovare un lavoro serio e pagato dignitosamente.

"Per la mia formazione ho speso e continuo a spendere per rimanere sempre aggiornato, mentre le prestazioni ai saloni sembra quasi che le debba rendere a titolo gratuito, visto e considerato gli stipendi proposti non sono proporzionali", spiega, chiedendo di mettere fine allo "sfruttamento" e agevolare le assunzioni giuste con "stipendi degni di un professionista".

La lettera del parrucchiere a Fanpage.it

Voglio rispondere all'articolo della parrucchiera perché mi sento chiamato in causa, perché come lei, ho difficoltà a trovare un lavoro serio e pagato dignitosamente. Dopo aver fatto un corso della durata di 3 anni e aver speso poco più di diecimila euro, aver effettuato la cosiddetta "gavetta" in tanti saloni, ora sono un parrucchiere formato a tutti gli effetti e in grado di eseguire qualsiasi lavoro in salone.

Il problema? Quelle pochissime assunzioni che trovo, mi propongono contratti part time di 24/30 ore ma in realtà lavorandone 40/54 settimanali, per 5 euro all'ora. La motivazione adottata è sempre quella di "troppe tasse, troppe spese".

La realtà dei fatti è che tutto ciò è davvero frustrante, perché per la mia formazione ho speso e continuo a spendere per rimanere sempre aggiornato, mentre le prestazioni ai saloni sembra quasi che le debba rendere a titolo gratuito, visto e considerato gli stipendi proposti non sono proporzionali.

Basta sfruttamento, basta tassazione alle imprese, agevolate le assunzioni giuste e con stipendi degni di un professionista.

Invia la tua segnalazione qui

8.088 CONDIVISIONI
97 contenuti su questa storia
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La posta dei lettori
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni