5.342 CONDIVISIONI
Emergenza lavoro
28 Novembre 2022
15:36

“Ho studiato per realizzare un sogno, ma non riesco neppure a pagare le spese dell’auto: è frustrante”

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di una nostra lettrice che racconta le sue difficoltà sul lavoro dopo anni di studi e sacrifici fatti anche dai suoi genitori per farla diventare una parrucchiera: “È frustrante, a 23 anni, avere dei sogni e non poterli avverare”.
5.342 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La posta dei lettori

Fanpage.it riceve e pubblica la lettera di una nostra giovane lettrice, una ragazza di 23 anni che ha studiato per diventare parrucchiera ma che per ora è riuscita a ottenere solo un lavoro in cui le offrivano meno di 300 euro al mese: le dicevano – racconta – che nelle accademie non insegnano davvero il lavoro per cui è necessario imparare tutto da capo: "Vi assicuro che è frustrante, a 23 anni, avere dei sogni e non poterli avverare, doversi azzerare per un lavoro che non ti permette di avere del tempo libero e uno stipendio dignitoso".

Sono una ragazza di 23 anni con dei sogni e degli obiettivi. Tre anni fa ho iniziato a frequentare un'accademia perché il mio sogno è sempre stato quello di essere una parrucchiera. I miei genitori mi hanno pagato tutto, 8000 euro più i viaggi, i pasti ecc. A maggio mi sono qualificata, e a giugno ho iniziato a cercare lavoro, ovviamente in un salone, e ho pubblicato degli annunci online.

A fine ottobre, dopo svariati mesi di ricerca e una cinquantina di curriculum inviati, ho finalmente ricevuto una proposta di lavoro. Mi sono presentata al colloquio e ho fatto presente tutto, punti di forza e difficoltà, sono stata messa alla prova per una settimana, poi ho ricevuto il contratto di lavoro.

Per un full time mi "offrivano" meno di 300 euro al mese. Parliamo di circa €1,77 all'ora, lavorando 5 giorni a settimana dalle 9.30 alle 20.00, a più di 30 km da casa, pranzando tutti i giorni in macchina. Tutto ciò perché "nelle accademie non vi insegnano a lavorare e tu hai bisogno di imparare tutto da capo" (parole loro), e anche "se hai veramente la passione per questo lavoro non puoi pensare agli orari o allo stipendio, devi usare tutto il tempo e tutto l'impegno per imparare il più possibile".

Non ho mai pensato di guadagnare uno stipendio ragionevole dall'inizio, ma neanche di non potermi pagare il viaggio e le spese della macchina (perché in questo paese non arrivano neanche i mezzi pubblici).

Vi assicuro che è frustrante, a 23 anni, avere dei sogni e non poterli avverare, doversi azzerare per un lavoro che non ti permette di avere del tempo libero e uno stipendio dignitoso. Ma ciò che mi intristisce ancor di più è sentire le persone che dicono "questi ragazzi della nuova generazione non vogliono andarsene di casa" oppure "i giovani d'oggi non vogliono lavorare, preferiscono stare a casa col reddito di cittadinanza".

Non vi nascondo che ho paura di non poter realizzare i miei sogni per colpa di questi geni che si spacciano per datori di lavoro, e per colpa loro sarò costretta a cercare altri lavori, che non c'entrano niente col mio percorso di studi, ma che almeno potranno darmi uno stipendio dignitoso.

Invia la tua segnalazione qui

5.342 CONDIVISIONI
97 contenuti su questa storia
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La posta dei lettori
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni