8.864 CONDIVISIONI
29 Gennaio 2021
12:38

Guerra in Yemen, il Governo Conte revoca l’export di bombe verso l’Arabia Saudita

Il governo italiano ha revocato l’esportazione di missili e bombe d’aereo verso Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti. Decisione storica, secondo le associazioni pro-disarmo, che segue quella analoga presa da Joe Biden due giorni fa. Rimane inoltre in vigore la sospensione a concedere a questi paesi nuove licenze per questi arsenali.
A cura di Biagio Chiariello
8.864 CONDIVISIONI

Revoca, e non solo sospensione, dell’export di bombe italiane verso l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi. Un atto di "portata storica" quello del Governo Conte, che segue quello analogo preso da Joe Biden due giorni fa: è la prima volta che accade nei 30 anni dall'entrata in vigore della Legge 185 del 1990 sull'esportazione di armi. Secondo quanto appreso dalla Rete Italiana Pace e Disarmo il provvedimento riguarda almeno 6 diverse autorizzazioni già sospese con decisione presa a luglio 2019 tra le quali la licenza MAE 45560 decisa verso l'Arabia Saudita nel 2016 (relativa a quasi 20mila bombe aeree della serie MK per un valore di oltre 411 milioni di euro). Secondo le elaborazioni di Rete Pace Disarmo e Opal la revoca decisa dall'Esecutivo per questa sola licenza andrà a cancellare la fornitura di oltre 12.700 ordigni prodotti dalla Rwm di Domusnovas sui circa 20mila stabiliti dall’accordo firmato durante il governo di Matteo Renzi.

“È un atto di portata storica che avviene per la prima volta nei 30 anni dall’entrata in vigore della Legge 185 del 1990 sull’export di armi – commentano da Rete Pace e Disarmo – Il Governo Conte ha deciso di revocare, non solo sospendere, le autorizzazioni in corso per l’esportazione di missili e bombe d’aereo verso Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti. Continua inoltre a rimanere in vigore anche la sospensione della concessione di nuove licenze per i medesimi materiali e Paesi”.

Le nostre organizzazioni Amnesty International Italia, Comitato Riconversione RWM per la pace ed il lavoro sostenibile, Fondazione Finanza Etica, Movimento dei Focolari, Oxfam Italia, Rete Italiana Pace e Disarmo, Save the Children Italia insieme ai partner internazionali European Center for Constitutional and Human Rights e Mwatana for Human Rights esprimono grande soddisfazione per questo risultato, da loro fortemente richiesto, che diventa operativo in queste ore.

“È fondamentale continuare a lavorare congiuntamente per mantenere alta l’attenzione e allargare la sospensione a tutte le categorie di armamento e verso tutti i membri della coalizione a guida saudita, proposta prospettata dalla stessa Risoluzione parlamentare del dicembre 2020″, scrivono le Ong.

8.864 CONDIVISIONI
Afghanistan, Emergency: "Vent'anni di guerra inutile. Bombe, morti e feriti come il primo giorno"
Afghanistan, Emergency: "Vent'anni di guerra inutile. Bombe, morti e feriti come il primo giorno"
Verso rinnovo della missione in Libia, ong chiedono a governo stop a collaborazione con Tripoli
Verso rinnovo della missione in Libia, ong chiedono a governo stop a collaborazione con Tripoli
Conte avverte il governo: "Il reddito di cittadinanza non si tocca, Draghi deve ascoltarci"
Conte avverte il governo: "Il reddito di cittadinanza non si tocca, Draghi deve ascoltarci"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni