Un ragazzo di 20 anni morto e altri due giovani feriti e ricoverati in gravi condizioni in ospedale. È il pesante bilancio di un gravissimo incidente stradale avvenuto nelle scorse ore lungo la strada statale SS318 nei pressi di Gubbio, in Umbria. Il dramma si è consumato nelle prime ore di domenica 7 luglio, durante la notte. I tre ragazzi coinvolti viaggiavano tutti sulla stessa vettura prima dell'alba quando, intorno alle 4.30 della notte tra sabato e domenica, si sono schiantati contro un palo segnaletico che indicava uno svincolo della statale in località Branca. Secondo i primi rilievi sul posto da parte delle forze dell'ordine, si tratterebbe di un incidente autonomo. Per motivi tutti da accertare, la vettura con i tre  giovani si è schiantata violentemente contro il palo accartocciandosi su se stessa senza dare scampo al ventenne.

La vittima è un ragazzo nato a Todi, in Provincia di Perugia, da una famiglia di origini marocchine e da molti anni residente in Umbria. Per lui inutili i successivi soccorsi da parte di vigili del fuoco e sanitari del 118 giunti sul posto dopo la chiamata di emergenza. Per estrarlo dalle lamiere contorte della vettura i pompieri hanno dovuto lavorare a lungo ma quando lo hanno affidato alle cure degli operatori del 118 per lui era ormai troppo tardi ed è stato dichiarato morto sul posto. I familiari, appresa la notizia, hanno avuto un malore e sono stati assistiti dai sanitari del 118.  Soccorsi e trasportati d'urgenza e in codice rosso in ospedale invece gli altri due amici coinvolti nell'incidente stradale. Si tratta di due 24enni, uno di origini albanesi e l'altro di origini romene, entrambi residenti nella zona di Marsciano, in provincia di Perugia. I due sono ricoverati con traumi importanti presso il Presidio Ospedaliero di Gubbio e Gualdo Tadino.