847 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
31 Marzo 2022
08:16

Russia-Ucraina, 007 inglesi: “Soldati russi non eseguono gli ordini e sabotano il proprio equipaggiamento”

Secondo quanto riportato da Jeremy Fleming, Vladimir Putin avrebbe sovrastimato la sua capacità di condurre una guerra di breve durata, e l’esercito sarebbe stanco di combattere.
A cura di Natascia Grbic
847 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

"Abbiamo visto soldati russi a corto di armi e morale, rifiutarsi di eseguire gli ordini, sabotare il proprio equipaggiamento e persino abbattere accidentalmente il proprio aereo". A dichiararlo, in un discorso a Canberra presso l'Australian National University e riportato dal Guardian, è Jeremy Fleming, capo del servizio di spionaggio britannico del Gchq. Secondo quanto affermato dallo 007 inglese, ci sarebbero informazioni per cui il presidente Vladimir Putin avrebbe fatto una valutazione sbagliata delle situazione in Ucraina, della risposta occidentale e delle sue capacità di condurre una ‘guerra lampo' con una rapida vittoria. Tutti questi fattori, avrebbero portato a una forte stanchezza dell'esercito russo, fiaccato e per nulla desideroso di combattere. "Sembra sempre più che Putin abbia valutato male la situazione. È chiaro che ha giudicato male la resistenza del popolo ucraino”, le parole di Fleming. Che ha aggiunto: "È diventata la sua guerra personale, con il costo pagato da persone innocenti in Ucraina e, sempre più, anche dai cittadini russi".

"Tensione al Cremlino tra Putin e i consiglieri": le parole dello 007 inglese

Sempre secondo quanto riportato da Fleming, al Cremlino ci sarebbe molta tensione tra Putin e i suoi consiglieri. Quest'ultimi avrebbero appoggiato il presidente russo nella guerra per paura di ritorsioni, garantendogli che il conflitto sarebbe durato poco data la capacità dell'esercito. La durata della guerra, tutt'altro che breve, starebbe creando non pochi problemi ai vertici, con i consiglieri timorosi di spiegare a Putin che l'idea iniziale è fallita. Nel suo discorso, Fleming ha parlato anche di un aereo russo abbattuto dai suoi stessi soldati: il capo del Gchd non ha portato prove a sostegno di questo fatto, che quindi al momento non può essere verificato, ma ha dichiarato che le sue fonti di Whitehall sono certe sia accaduto. Si è poi fatto riferimento al sodalizio tra Russia e Cina, con le forze occidentali impegnate a persuadere Pechino dall'inviare a Mosca armi e denaro. Fleming ha riportato di presunte tensioni tra i due paesi, che potrebbero prima o poi scoppiare a causa di alcuni interessi in conflitto. "Una Cina che vuole stabilire le norme per una nuova governance globale non è felice di una stretta alleanza con un regime che volontariamente e illegalmente le ignora tutte", conclude Fleming.

847 CONDIVISIONI
2564 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni