25 Novembre 2019
16:08

Gioia Tauro, maltratta la compagna, lei lo fa denuncia: nella roulotte aveva un lanciarazzi

Denunciato dalla convivente dopo l’ennesimo episodio di violenza, un artista di un circo è stato arrestato dai carabinieri di Gioia Tauro (Reggio Calabria) con le accuse di porto e detenzione di arma clandestina e di maltrattamenti in famiglia. Nascondeva nel vano cinghie di un trapano a colonna, in un caravan adibito a officina, una pistola lanciarazzi illegalmente detenuta.
A cura di Susanna Picone

Un artista di un circo che al momento si trova a Gioia Tauro (Reggio Calabria) è stato arrestato dai carabinieri della Compagnia per porto illegale di un'arma lanciarazzi e maltrattamenti in famiglia. All’arresto di M.A. – si tratta di un cinquantaquattrenne originario di Messina – si è arrivati in seguito alla denuncia presentata ai militari della Stazione di Gioia Tauro dalla convivente dell’uomo la quale, dopo l'ennesimo episodio di violenza preceduto da un'escalation di molestie e maltrattamenti, esasperata ha deciso di rivolgersi ai carabinieri e chiedere loro aiuto. La denuncia è stata presentata il 20 novembre scorso: i militari dell’Arma hanno quindi attivato le procedure previste dal "Codice Rosso" e hanno perquisito alcune roulotte nelle adiacenze del circo. Durante i controlli hanno scoperto che l’uomo arrestato nascondeva un’arma tenuta illegalmente. Nel vano cinghie di un trapano a colonna, in un caravan adibito a officina, c’era una pistola lanciarazzi calibro 9 Blanck, marca Ekol, modello P 39, d'importazione straniera e, appunto, illegalmente detenuta.

L'artista di circo è ai domiciliari – Il cinquantaquattrenne è stato quindi portato negli uffici della Compagnia di Gioia Tauro e arrestato in flagranza di reato con le accuse di detenzione abusiva di armi, ricettazione, detenzione illegale di armi comuni da sparo e detenzione di arma clandestina. Il gip ha poi disposto i domiciliari con l'obbligo di evitare ogni forma di comunicazione con persone non conviventi, in particolare con la vittima che ha fatto scattare le indagini del Codice rosso e le successive perquisizioni che hanno portato all'arresto.

Perché un uomo come Damiano dei Maneskin che supporta la sua compagna fa ancora notizia
Perché un uomo come Damiano dei Maneskin che supporta la sua compagna fa ancora notizia
Fa un buco nel preservativo del compagno per restare incinta: condannata a 6 mesi di carcere
Fa un buco nel preservativo del compagno per restare incinta: condannata a 6 mesi di carcere
Evan, ucciso di botte a 2 anni: in aula la mamma e il compagno. Il papà: "Salvatore l'ha ammazzato"
Evan, ucciso di botte a 2 anni: in aula la mamma e il compagno. Il papà: "Salvatore l'ha ammazzato"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni