1.094 CONDIVISIONI
13 Gennaio 2022
18:18

Francesca Amadori licenziata in tronco dall’azienda del nonno: era responsabile comunicazione

Francesca Amadori, nipote del fondatore di una delle maggiori aziende agroalimentari italiane, specializzata nel settore avicolo, è stata licenziata in tronco.
A cura di Davide Falcioni
1.094 CONDIVISIONI

Francesca Amadori, nipote del fondatore di una delle maggiori aziende agroalimentari italiane, specializzata nel settore avicolo, è stata licenziata in tronco. La notizia, in un paese in cui il nepotismo è una consuetudine, è di quelle che fanno scalpore e a darla è stato Il Resto del Carlino, secondo cui alla donna due giorni fa è stato consegnato l’avviso dell’interruzione con effetto immediato del rapporto di lavoro.

Francesca Amadori era la responsabile della comunicazione del gruppo. Stando a quanto riferisce il quotidiano romagnolo, da tempo in azienda le acque erano agitate e martedì il consorzio operativo Gesco del gruppo Amadori ha comunicati alla donna la conclusione del rapporto lavorativo "per motivazioni coerenti e rispettose dei principi e delle regole aziendali", specificando che "tali regole sono valide per tutti i dipendenti senza distinzione alcuna". Le ragioni ufficiali del licenziamento non sono ancora state rese note, e forse non lo saranno mai.

A seguito del licenziamento di Francesca è stata convocata immediatamente l'assemblea dei soci di Romagna Iniziative, consorzio che raggruppa le principali realtà industriali romagnole. Dopo aver spiegato la situazione, i soci hanno ringraziato la donna per il suo ruolo, chiedendole di rimanere al suo posto. Da tempo circolavano voci su rapporti professionali non idilliaci tra Francesca Amadori e il gruppo di cui suo padre è attualmente presidente. Amadori, tuttavia, non è nuova a vicende che investono anche pezzi di famiglia. Nel 1998, ad esempio, vi fu la separazione fra i due fratelli: Fravio acquisì il "timone" mentre Arnaldo se ne andò incassando una quarantina di miliardi di lire per trasferirsi prima in Tanzania e poi in Brasile, dove cinque anni fa è morto. Nel 2014 un altro scossone: Germano Lucchi, amico e socio storico dei fratelli Amadori, uscì dall'azienda. Stavolta il terzo "terremoto", con il licenziamento di Francesca Amadori.

1.094 CONDIVISIONI
Campi Bisenzio, operai licenziati via whatsapp per non aver lavorato a Pasquetta: imprenditore li assume
Campi Bisenzio, operai licenziati via whatsapp per non aver lavorato a Pasquetta: imprenditore li assume
“I leader mondiali ascoltino il popolo che vuole la pace”, l'appello del Papa contro la guerra
“I leader mondiali ascoltino il popolo che vuole la pace”, l'appello del Papa contro la guerra
Licenziato per le troppe multe, parla il capotreno: "I passeggeri mi adorano, a lavoro serve rigore"
Licenziato per le troppe multe, parla il capotreno: "I passeggeri mi adorano, a lavoro serve rigore"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni