Per mesi ha continuato a minacciare e maltrattato la madre irrompendo in casa della donna a tutte le ore, svegliandola anche in piena notte, col solo scopo di estorcerle del denaro. Per questo un  uomo di 34 anni è stato arrestato nelle scorse ore dai carabinieri di Cerignola , in provincia di Foggia, e deve rispondere ora dei reati di estorsione e maltrattamenti in famiglia. Per l’uomo il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Foggia ha emesso una ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari eseguita nelle scorse ore dai militari dell’arma a cui sono state affidate le indagini. La brutta vicenda infatti è venuta a galla solo a seguito della denuncia della vittima che, dopo mesi di abusi, ha trovato infine la forza di rivolgersi ai carabinieri, raccontare tutto e denunciare il figlio.

Secondo gli accertamenti investigativi, il trentaquattrenne, residente in zona e già noto alle forze dell'ordine per problemi di tossicodipendenza, si introduceva in casa della madre all'improvviso per minacciarla e chiederle insistentemente dei soldi. Un comportamento e atteggiamento estremamente violento che , secondo gli inquirenti, aveva prodotto un clima di vero terrore in casa della signora dove lui non abitava. L’uomo ovviamente era sempre in cerca di denaro per acquistare stupefacenti e spesso avrebbe anche alzato le mani sulla madre oltre la voce. La donna, di fronte alle minacce, ha ceduto più e più volte alle richieste estorsive del figlio. Il 34enne infatti, nel giro di pochi mesi, sarebbe riuscito a estorcere alla donna circa 10mila euro complessivi. La donna ha messo fine a tutto quando, esasperata dalle continue richieste di denaro del figlio, ha trovato il coraggio di denunciarlo