Una festa organizzata da otto ragazzi, tra cui una minorenne, per i diciotto anni di uno di loro. Il tutto contro le norme anti Covid. Non potendo organizzare un party in un locale, hanno noleggiato una limousine trasformandola in una mini discoteca. La vettura, che ovviamente non poteva passare inosservata, è stata notata dagli agenti del commissariato di polizia di Mondello. L'auto è stata fermata e nonostante i finestrini fossero chiusi, era impossibile non notare le luci all'interno. 

Dopo i controlli di rito, sono stati identificati otto giovani, il più grande di loro ha 21 anni. All'interno della vettura vi erano alcolici e musica, mentre i ragazzi erano assembrati in quello spazio angusto. Dagli accertamenti è emerso che l'auto risultava omologata per otto persone.Tuttavia, i giovani avevano violato il divieto di assembramento salendo tutti e otto sull'auto: la macchina, infatti, avrebbe potuto essere riempita solo per il 50%.

Gli agenti hanno notato la vettura che transitava lungo viale Regina Elena e hanno quindi fatto scattare il controllo in piazza Valdesi. Gli agenti hanno descritto la scena come "un vero e proprio party su quattro ruote". Alla guida della vettura vi era un autista, come di consueto per le vetture a noleggio di questo tipo, attrezzate anche come discoteca. I ragazzi sono stati individuati e multati per l'assembramento in tempi di pandemia. Successivamente gli agenti si sono introdotti nella vettura per dei controlli e hanno interrotto la festa organizzata nella limousine, ponendo fine all'assembramento all'interno della vettura. Notare la festa in corso è stato semplice, grazie alle luci da discoteca che si vedevano nettamente anche con i finestrini scuri sollevati e la musica udibile distintamente dall'interno della macchina a noleggio. Lo spazio di assembramento, inoltre, risultava molto più piccolo di un qualunque ambiente chiuso.