4.550 CONDIVISIONI
Il piccolo Evan ucciso di botte a 2 anni a Modica
18 Settembre 2020
11:07

Evan poteva essere salvato: intercettazioni col pianto ascoltate solo dopo la sua morte

Evan, ucciso di botte a 21 mesi, poteva essere salvato. Nelle settimane precedenti all’omicidio, infatti, i carabinieri avevano piazzato delle cimici nella casa in cui avvenivano i presunti maltrattamenti, ma non le hanno ascoltate in diretta. A dare la notizia ai microfoni di Chi l’ha visto, è stato Natale Di Stefano, il legale della mamma, Letizia Spatola.
A cura di Angela Marino
4.550 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Il piccolo Evan ucciso di botte a 2 anni a Modica

Evan Lo Piccolo, ucciso di botte a 21 mesi, poteva essere salvato. Nelle settimane precedenti all'omicidio, infatti, i carabinieri avevano piazzato delle cimici nella casa in cui avvenivano i presunti maltrattamenti, ma non le hanno ascoltate in diretta. Soltanto quindici giorni dopo, quando il piccolo era già stato ucciso, gli inquirenti hanno sentito i lamenti e il pianto disperato del bimbo, le urla della madre, Letizia Spatola del compagno, Salvatore Blanco, oggi in carcere per l'omicidio di Evan. Quelle intercettazioni ambientali, se ascoltante in tempo, avrebbero potuto impedire la morte del bimbo.

A dare la notizia ai microfoni di ‘Chi l'ha visto', è stato Natale Di Stefano, il legale della mamma: "Avevano fatto una perquisizione nel corso della quale avevano messo delle microspie. Ci sono state per 15 giorni intercettazioni ambientali non ascoltate dai Carabinieri". "Sono state ascoltate solo dopo la morte. Si è detto che la qualità dell'ascolto non era buona, ma io mi chiedo come lo diventa successivamente. Quell'ascolto avrebbe potuto dare un corso diverso agli eventi", conclude l'avvocato.

Il bambino di Rosolini era stato tre volte al pronto soccorso in poche settimane per gravi lesioni, prima di morire all'ospedale Maggiore di Modica il 17 agosto a causa delle percosse ricevute. Sul caso è aperta un'inchiesta per maltrattamenti e omicidio da parte della procura di Siracusa. Indagato per il solo reato di maltrattamenti è il padre naturale del piccolo Evan, che all'epoca dei fatti viveva a Genova. Secondo il fratellino del piccolo, ascoltato di recente in incidente probatorio, anche lui avrebbe avuto comportamenti ‘aggressivi' verso il figlioletto.

4.550 CONDIVISIONI
Evan ucciso di botte a 2 anni, il compagno della madre sarà sottoposto a perizia psichiatrica
Evan ucciso di botte a 2 anni, il compagno della madre sarà sottoposto a perizia psichiatrica
Caso Evan, ucciso di botte a due anni: chiesta la perizia psichiatrica per la mamma e il compagno
Caso Evan, ucciso di botte a due anni: chiesta la perizia psichiatrica per la mamma e il compagno
Evan, ucciso di botte a 2 anni. Il papà Stefano a Fanpage.it: "Chiedo per lui pace e giustizia"
Evan, ucciso di botte a 2 anni. Il papà Stefano a Fanpage.it: "Chiedo per lui pace e giustizia"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni