37.759 CONDIVISIONI
La storia del piccolo Evan, ucciso di botte a 2 anni
22 Luglio 2022
16:21

Omicidio del piccolo Evan, la madre e il compagno condannati all’ergastolo

La sentenza del processo a carico di Letizia Spatola, la madre di Evan Lo Piccolo morto a 21 mesi in Sicilia, e del compagno Salvatore Blanco. Il bambino nel 2020 finì in ospedale col corpo pieno di lividi.
A cura di Susanna Picone
37.759 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La storia del piccolo Evan, ucciso di botte a 2 anni

Ergastolo per Letizia Spatola e Salvatore Blanco. Questa la decisione dei giudici della Corte di Assise di Siracusa che hanno emesso la sentenza nel caso del piccolo Evan Lo Piccolo. La sentenza è arrivata pochi minuti fa dopo una camera di consiglio durata qualche ora. Letizia Spatola era in aula quando è arrivata la sentenza, Blanco invece era collegato dal carcere di Vibo Valentia dove è detenuto.

Secondo l’accusa, le botte continue della madre e del compagno avrebbero provocato la morte, il 17 agosto 2020, del piccolo Evan, che aveva appena 21 mesi. Il bambino fu accompagnato in ospedale a Modica in condizioni gravissime: a chiamare l'ambulanza fu sua madre, ma era ormai troppo tardi. Il bambino, col corpo pieno di lividi, morì poco dopo. La procura di Siracusa aveva chiesto il carcere a vita sia per Letizia Spatola, attualmente agli arresti domiciliari, che per il compagno Salvatore Blanco, già in carcere fuori regione. I giudici hanno accolto oggi questa richiesta.

Evan Lo Piccolo
Evan Lo Piccolo

"Ergastolo con isolamento diurno per un anno e perdita della responsabilità genitoriale per la madre", era stata la richiesta dei pm di Siracusa nella precedente udienza del processo. La difesa portata avanti dalla madre del bambino, che ha da sempre raccontato di essere stata succube delle violenze del compagno, secondo i magistrati non avrebbe fondamento. Entrambi insomma avrebbero avuto, secondo l'accusa, responsabilità nella morte del piccolo Evan. Blanco avrebbe agito perché non sopportava il pianto del bambino e la madre di Evan avrebbe nascosto tutto quello che avveniva nella loro casa a Rosolini per evitare l'intervento dei servizi sociali.

Era stato il padre del bambino Stefano Lo Piccolo (a difenderlo gli avvocati Federica Tartara, Loredana Calabrese insieme alla criminologa Anna Vagli) a denunciare possibili maltrattamenti e presentare un esposto in Procura a Genova.

La Corte, presidente Tiziana Carrubba, a latere Carla Frau, li ha condannati all’ergastolo per omicidio, a un anno di isolamento, e anche all'interdizione perpetua dai pubblici uffici e alla decadenza della responsabilità genitoriale. Disposta una provvisionale per le parti civili: 50 mila euro in favore della nonna, Elisa Congiu, assistita dagli avvocati, Aurora Cataudella e Nino Savarino, 50 mila euro per Stefano Lo Piccolo, padre del bimbo e 25 mila euro ciascuno per gli zii, Michael e Jessica Lo Piccolo. Entro 90 giorni verrà depositata la sentenza.

37.759 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni