144 CONDIVISIONI
Covid 19
19 Agosto 2021
12:47

Enna, padre e figlia muoiono di Covid nell’arco di 48 ore: erano vaccinati con una sola dose

Padre e figlia sono morti di Covid nell’arco di 48 ore a Nicosia, in Sicilia, dove martedì 17 agosto ha perso la vita a 83 anni Gioacchino Venuta e oggi la stessa sorte è toccata alla figlia Annamaria, di 48 anni. Erano entrambi vaccinati con una sola dose e in attesa della seconda.
A cura di Davide Falcioni
144 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Padre e figlia – entrambi vaccinati con una sola dose – sono morti di Covid nell'arco di 48 ore. È successo a Nicosia, in Sicilia, dove martedì 17 agosto ha perso la vita a 83 anni Gioacchino Venuta e oggi la stessa sorte è toccata alla figlia Annamaria, di 48 anni. Il virus aveva contagiato praticamente l'intero nucleo familiare in una città che, su 13 mila abitanti, conta almeno 48 positivi da variante Delta e dieci morti dall'inizio dell'emergenza sanitaria. Il sindaco Nicosia Luigi Bonelli ha commentato: "Il virus, come si può purtroppo vedere  è ancora pericolosissimo e uccide. Abbiamo tutti il dovere di tutelare la nostra salute e quella dei nostri cari e di tutta la nostra comunità. Prego quanti abbiamo avuto disposizione di quarantena di osservarla scrupolosamente".

Primario di Catania: "Situazione nerissima, tutta colpa dei non vaccinati"

La situazione è però complessa in tutta la Sicilia, da giorni prima regione italiana per numero di contagi e dove anche i ricoveri sono in aumento. Sandro Distefano, primario di Pneumologia all'ospedale Cannizzaro di Catania, ha lanciato un allarme sull'aumento delle ospedalizzazioni e dei casi anche gravi, tutti tra i non vaccinati. Intervistato da La Sicilia il medico ha spiegato: "La situazione è già caldissima adesso. E ancora non siamo neanche a fine agosto. Nel reparto non ho più alcun posto. Sono pieno. E lo stesso sta accendendo anche ai miei colleghi del Cannizzaro. Il primario Iacobello ha soltanto pochi letti ancora liberi. E lo stesso sta avvenendo negli altri ospedali". La situazione "è nerissima. Ed è tutta colpa dei non vaccinati. È inutile negarlo. Io in reparto ho soltanto persone non vaccinate. Ma soprattutto ho pazienti tutti gravi con polmoniti molto severe, tanto che spesso dobbiamo ricoverare persone in rianimazione . E a Catania ormai scarseggiano i posti nelle terapie intensive. Si tratta di persone che hanno messo a rischio la propria vita come degli stupidi. Dico che arrivare a tutto ciò per noi medici significa rasentare l’imbecillità".

144 CONDIVISIONI
28352 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni