922 CONDIVISIONI
Elena Ceste: storia di un omicidio premeditato
25 Ottobre 2014
16:21

Elena Ceste: dall’autopsia non è emerso nessun segno evidente di ferite

Resta il mistero sulle circostanze della morte di Elena Ceste, il cui cadavere è stato ritrovato sabato scorso non lontano dalla sua casa di Costiglio d’Asti. Indagato il marito Michele Buoninconti.
A cura di Susanna Picone
922 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elena Ceste: storia di un omicidio premeditato

È stata effettuata questa mattina all’ospedale di Alba (Cuneo) l’autopsia sui resti di Elena Ceste, la donna scomparsa il 24 gennaio scorso e ritrovata senza vita sabato scorso non lontano dalla sua casa di Costiglio d’Asti.  Secondo quanto si apprende da fonti vicine all’inchiesta, i resti di Elena Ceste non presenterebbero ferite evidenti. Nei prossimi giorni sono attesi i risultati degli esami tossicologici e istologici. Le spoglie della donna, restituite dal terreno solo quando sono state urtate da una ruspa al lavoro in un canale, erano in condizioni così cattive che l'identificazione è stata possibile solo con il test del Dna. Resta per ora il mistero sulle circostanze della morte di Elena Ceste, che proprio oggi avrebbe compiuto 38 anni. Ieri i carabinieri di Canelli hanno notificato un avviso di garanzia per omicidio e occultamento di cadavere al marito Michele Buoninconti, l'uomo che lo scorso 24 gennaio aveva denunciato la sua scomparsa. “Un atto dovuto – ha spiegato il procuratore capo di Asti, Giorgio Vitari – che serve a dargli la possibilità di essere tutelato nel corso dell’inchiesta che riguarda la morte di sua moglie”. Buoninconti, più volte interrogato in questi mesi, ha sempre negato qualsiasi coinvolgimento nella scomparsa della moglie.

La famiglia di Elena Ceste continua a difendere il marito

Come scrive il Corriere della Sera, per il padre di Elena Ceste non è cambiato nulla anche adesso che il genero è stato iscritto nel registro degli indagati. “Per noi è innocente fino a prova contraria. Ci siamo sempre fidati di lui e non c’è una sola ragione per non farlo più adesso”, ha spiegato il padre della donna scomparsa. “Lo abbiamo detto e lo ripetiamo, finché non avremo una prova provata che Michele ha fatto questo o quello staremo vicino a lui e ai suoi bambini”, è quanto ripetono il padre e la sorella di Elena Ceste.

922 CONDIVISIONI
Elena Ceste, gli indumenti non verranno riesaminati: cosa vuol dire e cosa succede adesso al marito
Elena Ceste, gli indumenti non verranno riesaminati: cosa vuol dire e cosa succede adesso al marito
Omicidio Elena Ceste, al via esami genetici sui 5 campioni potrebbero ribaltare il caso
Omicidio Elena Ceste, al via esami genetici sui 5 campioni potrebbero ribaltare il caso
Caso Ceste, il marito chiede la revisione del processo:
Caso Ceste, il marito chiede la revisione del processo: "Elena morta di freddo"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni