L’unico barlume di speranza di tutta questa storia arriva dal fondo delle 300 pagine dell’ordinanza dell’indagine “Odysseus”
che, come scrive il gip Luca Milani, rappresenta “la risposta dello Stato”:

«Nel concludere la stesura di questo provvedimento, il pensiero non può che andare al caso, il quale ha voluto che la data di conclusione del presente lavoro sia la stessa in cui, 28 anni fa, servitori dello Stato – di tutt'altro spessore rispetto agli odierni indagati – persero la vita compiendo il proprio dovere. A loro si dedica questo atto di giustizia».

E adesso sarà un lungo elenco di conversazioni che potrebbero uscire dalla bocca di spacciatori e criminali e che, invece, sono tutte dei carabinieri della stazione di Piacenza, travolta da uno scandalo che ha portato all'arresto di 12 persone, tra cui 7 militari.

Il principale protagonista è l'appuntato Giuseppe Montella, che nell’ordinanza appare con un bel volto sorridente. È lui a parlare della “piramide”.

«Minchia adesso ti devo racconta' quello che ho combinato, ho fatto un’associazione a delinquere ragazzi! Che se va bene ti butto dentro, nel senso a livello di guadagno – racconta a un collega in auto illustrando il business plan dello spaccio – In poche parole abbiamo fatto una piramide: sopra ci stiamo io, tu e lui, ok? Noi non ci possono… noi siamo irraggiungibili, ok? A noi non ci deve cagare nessuno. Però Davide i contatti ce li ha tutti lui, quelli grossi! Lui siccome è stato nella merda, e a Piacenza comunque conosce tutti gli spacciatori, abbiamo trovato un’altra persona che sta sotto di noi. Questa persona qua va tutti da questi gli spacciatori e gli dice “guarda, da oggi in poi, se vuoi vendere la roba vendi questa qua, altrimenti non lavori!”. E la roba gliela diamo noi! Poi a loro volta avranno i loro spacciatori, quindi è una catena che a noi arriveranno mai!!».

I reati commessi durante il lockdown

L’elenco dei reati commessi è lunghissimo e, come ha sottolineato il procuratore capo di Piacenza, Grazia Pradella, colpisce che siano stati commessi per lo più durante il lockdown e in una zona duramente colpita dal Covid-19.

«A me interessa l’erba, l’importante è che ho l’erba, a me interessa di averla sempre», dice il carabiniere Montella in un’altra conversazione captata grazie a una microspia installata in auto. «Direi che di fumo (ndr hashish) ne abbiamo un bel po’», gli risponde l’amico spacciatore e il carabiniere replica: «No fumo che cazzo te ne frega, a noi l’importante è l’erba, io l’erba non posso fare a meno».

Poi si passa all’organizzazione del traffico. «In settimana faccio il viaggio (intende il trasporto della droga), mi faccio un unico perché così se riesco vengo a prendere sia l’erba che la cocaina, vengo a prendere tutte e due».
Il pusher: «Io prendo botte da, io meno di 45.000 euro di droga alla volta non li prendo».
Il carabiniere: «E su 40.000 euro quanto riesci a guadagnare? Quanto riesci a portare a casa di tuo puliti?».
Pusher: «10mila euro».

«Questo hashish è micidiale»

In un’altra chiacchierata i due parlano di un carico di ottima qualità che il carabiniere custodisce in auto.
Pusher: «Che odore fa questo fumo (ndr hashish), lascia un attimo aperto».
Carabiniere: «Ma si è scaldata vedi? Io l’ho messa là per farla scaldare».
Pusher: «È micidiale sta roba quando si scalda, minchia però è morbida infattiPerché questo qua adesso mi dà 6.000 euro e il resto me li dà domani. Tre chili 400, quindi mi deve dare totale 11.390! Seimila me li dà adesso e cinquemila me li darà domani. Questo qua vuole altri dieci vuole, altri 10 chili devo dare a questo».
Carabiniere: «Io giù stasera le davo pure (le manette di hashish, ndr), una l’ho già venduta e già c’ho pure i soldi». 

La droga custodita dal carabiniere

I soldi sono il motore di tutto. C’è una intercettazione, definita “emblematica” dai magistrati, in cui si parla della consegna di denaro al solito carabiniere Montella per il trasporto e la custodia della droga.

G.D., pusher: «Così ti tiri su i 500 euro, te li tieni solo per il viaggio».
Montella., carabiniere: «Quindi, questi qua che dobbiamo fare, li dobbiamo mettere in garage?».
Pusher: «Sì, un po’ te li lascio a te, magari se me li tieni tu».
Carabiniere: «Si, si, me li tengo io, ho il garage».
Pusher: «Eh, dopo, per bene, cominciamo».
Carabiniere: «Si, si, adesso ci organizziamo fatto bene».

La certificazione di viaggio per lo spacciatore

A marzo, quando l’Italia era interamente bloccata e piangeva i morti per la pandemia, i carabinieri di Piacenza si muovevano come se nulla fosse. Anzi, fornivano autorizzazioni per gli spostamenti ai loro fornitori che in questo modo potevano raggiungere senza problemi la piazza di Milano per comprare la droga.

Montella, carabiniere: «Vabbè senti a me ascolta me, tu prendi questo, tanto v’ho messo il timbro».
G.D., pusher: «Sì, sì».
Carabiniere: «Tu te lo compili e la sotto scrivete (qui viene proferito il proprio nome, ndr). Prenditene uno».
Pusher: «Va bene. Ti volevo solo dire se riuscivi a farmi avere… c'è un mio amico che domani mi deve aiutare a fare il trasloco, eh si però il discorso se tu c'avevi un foglio da dargli che così mio padre ha già quello là già timbrati e quello per oggi insieme».
Carabiniere: «Allora a che ora parte tuo papà?».
Pusher: «Verso le nove».

La dichiarazione venne consegnata, come promesso, il giorno 17 marzo davanti alla stazione dei carabinieri di Piacenza Levante e il 19 marzo il galoppino tornò con 3 chili di marijuana trasportati con la stessa auto con cui era partito.

La marijuana regalata per la "soffiata"

Il 3 aprile, invece, i militari parlano di droga sequestrata a uno spacciatore e consegnata a un altro amico come ringraziamento per la soffiata.

Montella, appuntato: «La roba che devo fare uscire, la cosa a Megid!».
Giacomo Falanga, appuntato scelto: «Sono quelle divise».
Montella: «Tu prendi quella là».
Falanga: «Sono 20 grammi».
Montella: «Ah, 20!».
Falanga: «25 grammi saranno».
Montella: «Il bustone grosso, ha detto, era buono. Andiamo in farmacia, no, non andiamo in farmacia. Andiamo dopo! Che almeno la pesiamo già scalata!».
Salvatore Cappellano, appuntato scelto: «Dopo!».
Falanga: «Vabbè, però possiamo già andare, la tiri fuori e…».
Montella: «La tiro fuori e la pesiamo là, così ci togliamo il pensiero».