Tragedia a Silvi Marina, nel Teramano, dove questo pomeriggio, intorno alle 17, un bimbo di soli 5 anni è annegato nella piscina dell'albergo dove si trovava in vacanza con i genitori. Il piccolo, originario di Bergamo, è affogato mentre faceva il bagno, nonostante gli immediati soccorsi del personale della struttura e degli stessi genitori, che hanno assistito increduli alla scena. I sanitari del 118 non hanno potuto far altro che dichiararne il decesso.

Indagini sono in corso per cercare di capire l'esatta dinamica di quanto successo. Secondo le prime informazioni disponibili, il bambino pare fosse con altri coetanei e stesse facendo il bagno nella piscina dell'hotel Abruzzo Marina. Accanto alla comitiva che giocava in acqua c'erano i genitori che sorvegliavano i figli. Ma all'improvviso il piccolo è andato in difficoltà ed ha cominciato ad annaspare, finendo sott'acqua privo di sensi. Immediato l'intervento del bagnino e dei genitori, ma quando è stato tirato fuori era già cianotico e in arresto cardiaco. Tra le ipotesi al vaglio degli inquirenti, c'è anche quella di un improvviso malore o una congestione che è risultata fatale alla giovane vittima. La salma è stata trasportata all'ospedale Mazzini di Teramo e resta a disposizione autorità giudiziaria per l'autopsia, che verrà svolta a breve.

Si tratta dell'ennesimo caso di decesso di un minore in piscina che si verifica nell'estate 2019. L'ultimo, in ordine temporale, quello di un bambino di 10 anni colpito da un malore dopo essersi tuffato in vasca a Villafranca, in provincia di Massa Carrara. Qualche settimana prima era morta in circostanze simili la piccola Sofia, la 12enne di Parma annegata per cause ancora al vaglio degli inquirenti mentre era nella piscina di uno stabilimento di Marina di Pietrasanta, in provincia di Lucca, dove era in vacanza con i genitori. Stessa sorte toccata anche al piccolo Tommaso, bimbo di 2 anni caduto nella piscina gonfiabile allestita nel giardino di casa, a Massa.