291 CONDIVISIONI
12 Febbraio 2020
14:49

Doping in palestra: 4 arresti a Palermo. I bodybuilder si dopavano a vicenda

Smantellato dai carabinieri del Nas un giro illecito di sostanze anabolizzanti utilizzate nelle gare sportive amatoriali tra bodybuilder. La base a Carini: 4 arresti e 16 indagati. I farmaci illegali erano spesso somministrati vicendevolmente negli spogliatoi tra gli stessi atleti.
A cura di Biagio Chiariello
291 CONDIVISIONI

Una palestra trasformata in "supermercato del doping": all'interno dello spogliatoio i body-builder si somministravano a vicenda le sostanze dopanti, attraverso iniezioni intramuscolo o sottocutanee, come si vede nelle immagini che hanno portato i carabinieri del Nas (su delega della procura di Palermo, i carabinieri del Nas, con il supporto operativo del Comando Provinciale locale) con l'accusa, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla ricettazione e commercio di sostanze biologicamente o farmacologicamente attive, al fine di alterare le prestazioni agonistiche di atleti gravitanti nel mondo del bodybuilding.

Terapie per rimediare ai danni del doping

L'operazione è stata condotta tra Carini e altri comuni della provincia. 16 persone risultano indagate, a vario titolo, per gli stessi reati degli arrestati. Sei di esse sono ritenute responsabili di esercizio abusivo della professione sanitaria, in quanto dispensavano terapie mediche e piani nutrizionali, somministrando anche farmaci per curare gli effetti collaterali provocati dalle sostanze dopanti.

Le indagini sulle palestre

L’indagine è stata innescata da un controllo eseguito dagli ispettori investigativi antidoping del Nas di Palermo su un atleta, risultato poi positivo, che ha partecipato alla gara ciclistica “Granfondo Mtb – Baronessa di Carini”, disputata a Carini il 29 maggio 2016. L'esito positivo degli esami ha dato il via a una più ampia indagine servizi di osservazione, controllo e pedinamento, intercettazioni telefoniche e ambientali. L'organizzazione utilizzava come base operativa e di copertura due palestre a Cinisi e Partinico e un negozio di integratori alimentari del palermitano. I vari titolari, tutti preparatori atletici, assieme ad un altro soggetto, anch'esso preparatore e body builder, avevano avviato associazione dedita al commercio di sostanze anabolizzanti finalizzato ad alterare le prestazioni degli atleti.

Le sostanze dopanti

Tra i farmaci vi erano Winstrol, Proviron, Testovis, Sustanon, Gonasi e Monores, nonché trenbolone e nandrolone (quest'ultima sostanza, oltre che ad effetto dopante, è anche ad effetto stupefacente). Gli anabolizzanti venivano venduti al dettaglio o spediti nascosti all'interno di plichi veicolati da corrieri per consegne in città e in altre località dell'Italia.

291 CONDIVISIONI
Palermo, bimba abbandonata perché aveva il Covid trova una nuova famiglia. La madre biologica si oppone
Palermo, bimba abbandonata perché aveva il Covid trova una nuova famiglia. La madre biologica si oppone
Palermo, smantellata una delle più potenti piazze di spaccio del Sud Italia: 58 arresti
Palermo, smantellata una delle più potenti piazze di spaccio del Sud Italia: 58 arresti
440 di Palma Antonio
Ndrangheta, sequestrato il ponte Morandi di Catanzaro: 4 arresti, usavano malta scadente per risparmiare
Ndrangheta, sequestrato il ponte Morandi di Catanzaro: 4 arresti, usavano malta scadente per risparmiare
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni