Il governatore Attilio Fontana
in foto: Il governatore Attilio Fontana

Misure più stringenti in Lombardia, restano aperti solo supermercati, farmacie e parafarmacie. Oltre a poche altre attività come tabaccai, edicole, servizi sanitari. L'ordinanza del governatore Attilio Fontana è arrivata nella serata di oggi, sabato 21 marzo, al margine di un incontro per valutare la richiesta d'aiuto arrivata dal fronte unito dei sindaci lombardi. "Regione Lombardia, d’accordo con i primi cittadini del nostro territorio, con le associazioni di categoria e con le parti sociali, ha deciso di emanare un’ordinanza con la quale vengono disposte nuove stringenti limitazioni, per contrastare la diffusione del coronavirus". L'ordinanza entrerà in vigore a partire da domani, domenica 22 marzo e sarà valida almeno fino al 15 aprile. Regole ancor più stringenti, spiega Fontana, per tutelare la salute pubblica. Anche oggi i dati sull'epidemia registrati nella regione, la più colpita in Italia, sono in aumento, con 25.515 contagiati e 3.095 morti.

Coronavirus, i nuovi divieti dell'ordinanza Fontana

– Divieto di assembramento nei luoghi pubblici, con multa fino a 5mila euro ai trasgressori;

-Divieto di attività motoria all'aria aperta;

– Sospensione dell'attività degli Uffici Pubblici;

-Sospensione delle attività artigianali;

-Sospensione di tutti i mercati settimanali scoperti;

-Sospensione delle attività inerenti ai servizi alla persona;

-Chiusura degli studi professionali;

-Chiusura di tutte le strutture ricettive;

-Sospensione dei cantieri edili.

Lombardia chiusa, si misura la temperatura corporea

L'ordinanza firmata dal governatore Fontana non riguarda alimentari, supermercati, farmacie e parafarmacie, edicole tabaccai, servizi sanitari e aziende delle filiere che producono beni di prima necessità. In tutte queste attività deve comunque essere garantita la distanza di sicurezza di almeno un metro. Il goveranore Fontana ha raccomandato ai gestori di esercizi commerciali e servizi sanitari di misurare la temperatura corporea alle persone in entrata. Nessuna nuova stretta invece per il trasporto pubblico locale, per il quale valgono le disposizioni già date con le due precedenti ordinanze. Spetterà ai sindaci valutare ulteriori misure restrittive.