Sono arrivate questa mattina a Gordona, nella provincia di Sondrio, 830.000 mascherine che erano state acquistate dall'azienda Dispotech presso un importatore tedesco lo scorso dicembre e che erano rimaste bloccate in Germania. La notizia dell'arrivo delle mascherine è rimbalzata da una pagina Facebook all’altra e a confermarla la stessa azienda, che prevede di donare in queste settimane di emergenza coronavirus 200.000 mascherine all'Ast di Sondrio e 100.000 alla Protezione Civile. Le mascherine rimanenti saranno invece destinate ai presidi ospedalieri. “Con il contributo determinante dell’On. Marian Wendt, oggi 830.000 mascherine mediche hanno raggiunto Gordona, nei pressi di Sondrio, dove l’azienda italiana produttrice, Dispotech srl, terminati i prescritti controlli di conformità, ha iniziato la distribuzione negli ospedali e nelle altre realtà del territorio. Le Autorità tedesche avevano già dato martedì il via libera alla spedizione, mentre ieri è giunta una nuova notizia ancora più importante dal Governo federale: l’abolizione di tutte le restrizioni all’esportazione di mascherine e degli altri dispositivi di protezione medicale nei confronti dell’Italia e degli altri Stati membri dell’Unione Europea. Grazie mille a tutti quanti hanno reso possibile raggiungere questo traguardo!”, si legge sulla pagina Facebook dell’Ambasciata italiana a Berlino.

Il blocco delle mascherine era stato deciso a seguito della decisione del Governo di Berlino di fermare tutte le esportazioni di dispositivi per la protezione personale durante l’emergenza coronavirus. Chiarito che si trattava di merce in transito e non in esportazione, si è dovuto aspettare il via libera alla spedizione in Italia da parte della Camera di Commercio. “Come avete visto da alcuni post di ringraziamento precedenti, siamo lieti di informarvi che finalmente le mascherine tanto discusse in questi giorni sono ufficialmente arrivate!”, il commento pubblicato sulla pagina Facebook dell’azienda lombarda.