24 Gennaio 2022
20:25

Clara Ceccarelli perseguitata e uccisa dal suo ex: ergastolo per Renato Scapusi

All’imputato riconosciute le aggravanti della premeditazione e della crudeltà e condannato anche per l’accusa di rapina del portafoglio della vittima..
A cura di Antonio Palma

Ergastolo, è questa la sentenza di condanna per omicidio infitta oggi della Corte d’Assise del tribunale di Genova a Renato Scapusi ritenendolo colpevole dell‘assassinio della ex Clara Ceccarelli. La donna fu uccisa con decine di coltellate nel suo negozio di pantofole a Genova nel febbraio dello scorso anno. Come stabilito dai giudici, a sferrare quei fendenti mortali fu il 59enne Renato Scapusi, suo ex che da mesi la tormentava in ogni modo possibile tanto da spingere la donna a pagarsi già il suo funerale per la paura di quello che è poi realmente accaduto. La Corte ha accolto in pieno la tesi dell'accusa e le richieste dei pm condannando l'imputato anche per la rapina del portafoglio della sua ex compagna.

L'aggressione mortale era avvenuta il 19 febbraio poco prima della chiusura del negozio di pantofole della vittima in via Colombo e per l'accusa e i giudici era stata premeditata. All'imputato infatti sono state riconosciute le aggravanti della premeditazione e della crudeltà. Dopo il delitto l'uomo era fuggito ed era stato rintracciato dagli agenti della squadra mobile della Questura vicino all'ospedale Galliera mentre cercava di suicidarsi. L'uomo, che  pochi giorni prima del delitto aveva minacciato di gettarsi nel vuoto, avrebbe tentato il suicidio anche durante la detenzione. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, l'uomo aveva grossi problemi economici perché ludopatico e in quel periodo disoccupato. Dopo numerosi episodi vi violenza e furto, la vittima lo aveva lasciato ma lui aveva iniziato a perseguitarla.

Gli episodi di stalking erano diventati sempre più frequenti e Renato la tormentava in modi assurdi, perfino sporcando con escrementi le vetrine del suo negozio, come hanno raccontato le amiche della donna, rivelando che Clara aveva così paura da aver installato un sistema di protezione del suo negozio. Nemmeno rivolgersi  alle forze dell'ordine era servito. La denuncia della donna contro di lui infatti era stata archiviata perché non c’erano più le immagini che provavano le sue persecuzioni.

Fidanzati uccisi a Lecce, la sentenza: ergastolo per De Marco, l’assassino di Daniele ed Eleonora
Fidanzati uccisi a Lecce, la sentenza: ergastolo per De Marco, l’assassino di Daniele ed Eleonora
156 di Videonews
Fidanzati uccisi a Lecce, ergastolo all'imputato: la lettura della sentenza
Fidanzati uccisi a Lecce, ergastolo all'imputato: la lettura della sentenza
26.683 di antoizzo86
“Ti cavo gli occhi”, le violenze di Zlatan Vasiljevic, l'uomo che ha ucciso l'ex e la compagna a Vicenza
“Ti cavo gli occhi”, le violenze di Zlatan Vasiljevic, l'uomo che ha ucciso l'ex e la compagna a Vicenza
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni