3.253 CONDIVISIONI

Chi era Anila Grishaj, l’operaia 26enne morta con la testa incastrata in un macchinario a Treviso

Si chiamava Anila Grishaj la 26enne morta in fabbrica a Pieve di Soligo (Treviso) durante il suo turno di lavoro. La giovane lavorava come operaia in un’industria alimentare del luogo. La ragazza è rimasta con la testa incastrata nel macchinario per l’imballaggio.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Gabriella Mazzeo
3.253 CONDIVISIONI
Anila Grishaj
Anila Grishaj

Si chiamava Anila Grishaj la ragazza morta nel pomeriggio di oggi, martedì 14 novembre, durante il turno di lavoro nella fabbrica per l'imballaggio e la commercializzazione di surgelati a Pieve di Soligo (Treviso). La ragazza, di origini albanesi, aveva 26 anni e viveva a Treviso con la famiglia. Da qualche tempo lavorava come operaia nell'industria alimentare dove ha perso la vita durante il turno di questo pomeriggio. Stando a quanto reso noto, la ragazza sarebbe rimasta con la testa incastrata in un macchinario per l'imballaggio dei surgelati.

Anila morta mentre lavorava con un macchinario per gli imballaggi

La dinamica dei fatti è ancora da ricostruire mentre per il momento le forze dell'ordine stanno effettuando tutti i rilievi del caso. I familiari della ragazza sono stati allontanati dal parcheggio della struttura perché particolarmente scossi da quanto accaduto. Non sono infatti mancati i momenti di tensione tra i parenti della giovane e coloro che si trovavano all'interno della fabbrica.

Il macchinario che ha colpito la giovane era stato acquistato di recente nella ditta per l'imballaggio dei surgelati. Per cause ancora da accertare, i suoi ingranaggi le hanno schiacciato le vertebre cervicali senza purtroppo lasciarle scampo.

Aperta un'inchiesta dalla Procura di Treviso

Dell'operaia 26enne si sa ancora poco. Lunghi capelli ricci e sorriso luminoso, Anila Grishaj viene descritta da chi la conosceva come una ragazza solare, una gran lavoratrice e molto riservata sugli aspetti della sua vita privata. La ragazza era riuscita a farsi volere bene da tutti i colleghi di lavoro, che sono stati i primi a lanciare l'allarme dopo l'incidente. Per lei però non vi era già nulla da fare. I carabinieri della stazione di Pieve di Soligo dovranno ricostruire l'intera vicenda.

Sulla morte di Anila Grishaj è stata aperta un'inchiesta dalla Procura di Treviso. Il macchinario da imballaggio è stato sequestrato per ulteriori accertamenti da parte delle forze dell'ordine.

Morti e gravi infortuni sul lavoro: i numeri in Italia

Nei primi 7 mesi del 2023 sono state 559 le vittime sul lavoro nel nostro Paese. Alla Lombardia va la maglia nera per il maggior numero di vittime sul posto di lavoro (74), ma seguono Veneto (40), Lazio (36), Campania e Piemonte (33), Emilia Romagna (31), Puglia (29), Sicilia (26), Toscana (21), Abruzzo (16), Marche (14), Umbria e Calabria (13), Friuli Venezia Giulia (12), Trentino Alto Adige e Liguria (11), Sardegna (10), Basilicata (5) e Valle d’Aosta e Molise (1).Negli ultimi 20 anni i morti sul lavoro sono stati circa 20mila.

3.253 CONDIVISIONI
Alassio, operaio picchia la testa cadendo dalla betoniera: Luciano aveva 58 anni
Alassio, operaio picchia la testa cadendo dalla betoniera: Luciano aveva 58 anni
Andreea Rabciuc, accertamenti irripetibili del Ris. La difesa: "Gresti non si ritiene responsabile"
Andreea Rabciuc, accertamenti irripetibili del Ris. La difesa: "Gresti non si ritiene responsabile"
Morta in auto con sacco in testa, fermati figli di 16 e 13 anni: finto rapimento chiamando la nonna
Morta in auto con sacco in testa, fermati figli di 16 e 13 anni: finto rapimento chiamando la nonna
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni